Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

El Shaarawy in stile Altafini

El Shaarawy si è messo totalmente a disposizione della squadra e di Mourinho, pur sapendo di non partire titolare nelle gerarchie

Una vita da Faraone, una stagione da gregario. Stephan El Shaarawy ha cambiato pelle e l’ha fatto senza alzare la cresta, con l‘umiltà dei grandi – apprezzatissima da Mourinho – e la voglia di mettersi in discussione all’alba di una stagione in cui la concorrenza interna toccherà livelli altissimi.

Con l’arrivo di Dybala, in attesa di qualche uscita sul mercato, sulla trequarti giallorossa ci sono attualmente due posti per cinque calciatori; che diventano 6 aggiungendo pure capitan Lorenzo Pellegrini, utilizzato ormai come centrocampista puro nel 3-4-2-1 per non dover sacrificare nessuna stella sull’altare dell’equilibrio tattico.

Nell’amichevole del 7 agosto all’Olimpico contro lo Shakhtar, ElSha ha confezionato due assist per i compagni in poco più di mezz’ora; a Salerno, nella prima di campionato, è stato lanciato nella mischia da Mourinho per giocare gli ultimi istanti della gara e l’ha fatto con uno spirito da guerriero, sacrificandosi in fase difensiva. Due segnali incoraggianti nell’ottica della sua permanenza in quella che, contratto alla mano, sarebbe l’ultima stagione capitolina. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa