Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Camara con vista Trigoria: il guineano guida il casting in mediana

camara

Il guineano in pole per raggiungere Trigoria

Non c’è tempo da perdere. In campionato, dove alle porte c’è la sfida con la Juventus, e sul mercato. I cinque giorni che mancano alla chiusura della sessione estiva sono quanto mai convulsi a Trigoria. Ieri Pinto si è chiuso nel suo ufficio alle ore 9 per uscirne poco dopo le 18. Una full-immersion nella quale sono stati (quasi) definiti gli ultimi dettagli del trasferimento di Felix alla Cremonese (dovrebbe svolgere le visite mediche nel pomeriggio), propedeutico poi all’arrivo di Belotti nella Capitale. Ma la giornata ha visto un’accelerazione anche sul versante centrocampista.

La Roma sta scandagliando diversi profili, potendo però offrire soltanto la formula tanto cara al calcio italiano: prestito con diritto di riscatto. E questo sta frenando (per ora) l’operatività sui tre principali obiettivi emersi dal lavoro dello scouting giallorosso: Camara (Olympiacos), il preferito, Soumaré (Leicester) e Tameze (Verona).

Tre calciatori per i quali i rispettivi club di appartenenza hanno chiesto rispettivamente 12, 20 e 13 milioni. La Roma, invece, è propensa (oltre ad abbassare il prezzo) ad offrire un prestito oneroso ma non l’obbligo richiesto dalle società.

Proprio in quest’ottica si attendono a breve novità per Camara. Le richieste iniziali del club greco hanno gelato i giallorossi che si sono inseriti mercoledì sul guineano sul quale si erano mossi da qualche giorno il Monza e il Rennes.

Il calciatore, venuto a conoscenza dell’interesse di Mourinho, ha dato priorità ai giallorossi ma Pinto deve in qualche modo avvicinarsi alla valutazione dell’Olympiacos che ieri ha preferito non rischiarlo (è reduce da un infortunio muscolare e non fa parte della lista Uefa) contro l’Apoel, lasciandolo in tribuna. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa