Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dagli applausi ai fischi: Dybala, quell’assist fa male

Dybala entra in campo tra gli applausi dei tifoi di casa. Poi l’assist al bacio per Abraham, e l’argentino esce (anche) tra i fischi

Il tocco del campione arriva al 68′ di una partita che per Paulo Dybala non è stata come le altre. E non lo sarà mai. Avrebbe voluto celare le emozioni in fondo al cuore, ma non ce l’ha fatta. Perché la storia pesa troppo. Pesa per lui e per i tifosi della Juventus che all’annuncio delle formazioni lo hanno applaudito. Lui ha risposto con un saluto, nulla di più.

Il rispetto verso i romanisti è enorme, lo si vedeva dagli occhi che aveva durante il riscaldamento. Cercava di restare concentrato, di non farsi trascinare dal core e di usare solo la testa. Ma le lacrime di maggio erano troppo vicine per affrontare un vecchio amore con la freddezza necessaria. E chissà se qualche avversario abbia puntato proprio su questo.

Fatto sta che Dybala non è stato Dybala fino all’assist per Abraham. Un tocco in mezza rovesciata su calcio d’angolo battuto da Pellegrini che finisce sulla testa di Tammy. L’ex Chelsea lo schiaccia a rete e si sblocca. Lo ringrazia con un bacio, la Joya è più sollevato e corre ad abbracciarlo.

Perché quell’assist rappresenta qualcosa di più. Si è scrollato da dosso il peso della sua storia e adesso potrà camminare sereno. ha contribuito a fare male alla Juventus e alla sostituzione (77′) sono arrivati i primi fischi. Si sta sta trasformando in un nemico ed è forse la cosa migliore che gli potesse accadere da calciatore della Roma. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa