Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Zanetti: “Roma grandissima squadra con dei fuoriclasse. Non faremo barricate”

Venezia Roma

Le parole dell’allenatore dell’Empoli alla viglia della sfida con la Roma

Paolo Zanetti, allenatore dell’Empoli, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida con la Roma, in programma domani alle ore 20:45. Ecco le sue dichiarazioni.

Cinque gare sono pochissime per dei bilanci, ma in tre vi siete fatti rimontare. Vi siete dati un perché?
“Sicuramente l’abbiamo analizzata, come il resto. Dobbiamo esser bravi a non creare dei casi o dei problemi. Ci sono situazioni oggettive da analizzare, a fare in modo che certe cose non si ripetano. Abbiamo il dovere di analizzarle e capirne i motivi. I motivi sono vari: la mancanza di attenzione soprattutto sul calcio d’angolo a Salerno, che mi ha fatto molto arrabbiare. La sofferenza ci sta, è in quella fase che dobbiamo essere uniti”.

Che partita si aspetta?
“Del momento della Roma non spetta a me parlarne. Posso dire che è una grandissima squadra, ancora più forte a livello individuale. Sarà una partita difficile, la Roma ha dei fuoriclasse e sarà ferita per il momento che sta attraversando. Dobbiamo fare la nostra partita, non vinciamo ma non stiamo anche perdendo. La nostra è una base per il futuro”.

Come sta la squadra?
“L’ho vista bene, ora spero inizi un periodo in cui avrò tutti i giocatori a disposizione per metterli tutti in pari. In questo momento è migliorare nel giocare insieme. Fisicamente stiamo bene, non ho avuto segnali particolari, abbiamo uno staff che ci sostiene e i ragazzi sono sempre molto disponibili”.

Ci dobbiamo aspettare delle sorprese tattiche?
“La strategia in ogni partita è diversa. La nostra base è la stessa, ragioniamo molto sulla nostra identità. Abbiamo rispetto della Roma, ma non vogliamo fare barricate. Poi magari l’avversario ce lo impone. Non vogliamo essere spettatori, perché sarebbe sconfitta sicura. Bisogna avere cuore e organizzazione per respingere gli attacchi di un avversario forte”.

A Salerno siete riusciti a massimizzare i cross. Merito del lavoro?
“Se pensiamo di essere arrivati a un livello sufficiente è finita, dobbiamo continuare a lavorare per superare i nostri difetti. Queste situazioni si migliorano curando ogni dettaglio e lavorando. Ci sono tanti margini, lo stesso Satriano è un giocatore completamente diverso rispetto a prima”.

Cosa si aspetta dai suoi giocatori domani?
“Mi aspetto una gara coraggiosa, di mentalità. La Roma è forte, ma una piccola può battere una grande e ci dobbiamo credere. Dobbiamo avere rispetto, non paura, altrimenti sarebbe meglio andare a mangiare una pizza. Il nostro pubblico è l’uomo in più”.

Staffetta tra Pjaca e Bajrami?
“Mi sarebbe piaciuto avere prima il Bajrami di adesso. Ha grandi doti, ora apprezzo che sta facendo di tutto per tornare quello che è. A Salerno è stato molto mobile, pericoloso, la squadra ha alzato il livello quando è entrato. La staffetta diventerà per forza automatica nel tempo, ma non è detto che non possano giocare insieme. In avanti voglio avere tanta competizione”.

Domani si sfideranno due terzini che saranno il presente e il futuro della Nazionale?
“Sì. sono d’accordo. Il nostro, Parisi, deve migliorarsi ma sta facendo tantissimi miglioramenti. Siamo fortunati ad averlo, considerando che anche Cacace meriterebbe di più”.

A Salerno hanno esordito Akpa-Akpro e Pjaca, come hanno fatto?
“Hanno fatto quel che mi aspettavo, cioè una prestazione altalenante ma hanno già dimostrato quel che possono darci. Pjaca quando si è acceso ha fatto vedere ciò di cui è capace. La tecnica non si compra al supermercato, o si ha o non si ha. Lo stesso Akpa ha cominciato piano, poi quando è entrato in partita ha fatto vedere buonissime cose”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News