Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Spinazzola: “Vittoria in Conference ha chiuso un cerchio. Pronti a tutto per Mourinho”

Il terzino giallorosso: “Ho chiesto io a Mancini di restare a Trigoria e lavorare per rimettermi a posto”

Leonardo Spinazzola si è raccontato in un podcast ufficiale della Roma. Il terzino giallorosso ha esordito con la vittoria in Conference League: “La sera della finale vinta abbiamo detto: ‘non ci rendiamo conto di quello che abbiamo fatto. Lo sapremo solo al nostro ritorno a Roma il giorno seguente’. Quel giorno è stato una liberazione per me dopo un anno incredibile. Ha rappresentato la chiusura del cerchio”.

Potevi essere a Coverciano con la Nazionale, ma poi con Mancini hai deciso di rimanere qui.
“È stata una mia richiesta. Il mister mi ha concesso questa settimana per lavorare e rimettermi a posto. Farò dei lavori specifici che mi mancano da luglio, infatti non ho fatto niente per il polpaccio e per tutta la catena. Gli ho chiesto questa cortesia e lui ha capito”.

Come ti senti? Ti manca qualcosina o hai pienamente recuperato?
“Questo infortunio è uno dei peggiori per un calciatore e soprattutto per uno con le mie caratteristiche. Mi manca l’appoggio, quando vado veloce devo andare sull’avampiede. Sto cercando comunque di riprendere il più possibile”.

La tua prima squadra era il Virtus Foligno e, quando segnavi, facevi la mitraglia di Batistuta. Avevi la Roma nel destino.
“Sì, stimavo Batistuta. Anche vedere Totti e Cassano insieme era troppo bello. La Roma è stata sempre una squadra bella e divertente, con grandi giocatori. Ho sempre seguito i calciatori, non le squadre. Ho iniziato con Batistuta, poi amavo Ronaldo: tutti i giorni provavo le sue finte. Prima ero un trequartista, quindi prima ammiravo anche Rui Costa e Kakà. Poi Totti e Del Piero”.

A Siena hai subito il primo grave infortunio. È vero che hai pensato di smettere?
“Sì, avevo 14 anni. Mi ero allontanato da casa e poi dopo un mese mi sono entrati sulla caviglia: stop di due mesi. Era tosta, ho passato 6 mesi difficili. Poi dopo mi sono abituato ed è stato bellissimo”.

Non smettere è stata la scelta corretta.
“Sì (ride, ndr). Anche la famiglia mi ha aiutato molto. Ogni volta che mi sentivano strano venivano da me”.

Hai caratteristiche offensive. Perché non sei diventato un esterno alto?
“Perché devi avere quei 15 gol per stare ad alti livelli e io non ce li ho. Sono 15 anni che non faccio quei gol in una stagione (ride, ndr). Marco Baroni, allenatore della Primavera del Siena, mi disse che avrei dovuto fare il terzino. Avevo 16 anni, quindi non ero molto convinto. Inizialmente ho detto di no e quindi mi rimandò con gli Allievi senza più chiamarmi in Primavera. A 21 anni, con mister Beretta, giocai come esterno in un centrocampo a 5. Mi trovai molto bene. Poi andai all’Atalanta e non riuscivo a trovare spazio. A Perugia, invece, da terzino puro, sono rinato”.

Che effetto ti ha fatto entrare nell’ambiente Juventus? Un incontro che ti ha fatto tremare le gambe?
“Io sono arrivato in Nazionale che c’era Buffon. E dopo un anno che ci giocavo insieme avevo ancora paura di parlare con lui, sempre. Lui ti metteva proprio a tuo agio, ma era più forte di me. Come Totti, l’ho visto in Roma-Atalanta e ho detto ‘Oddio’. E me ne sono andato, non l’ho salutato. Poi Del Piero, Buffon, Pirlo e Totti”. […]

Nel torneo di Viareggio sei stato eletto miglior giocatore del torneo: è stato il tuo primo piccolo traguardo?
“Sicuramente, per le giovanili il torneo di Viareggio è molto importante. Essere il miglior giocatore è una vetrina per i giovani, ma non c’entra niente con il salto nel professionismo”.

Pensiero su José Mourinho.
“Siamo con lui, qualsiasi cosa dice la facciamo. Se ci dicesse di fare la guerra, la faremmo. È così, ha questo dono. Poi tutto quello che dice, per la maggior parte si avvera. Ma lui è molto tranquillo in allenamento. Non so com’era in passato, ma è veramente pacato. Alcune volte osserva e basta dall’alto. A lui piace più osservare come ti muovi, come muovi il corpo, il body language, osserva molto queste cose”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra