Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum frena: “La strada da fare è ancora lunga”. E la Roma aspetta

L’olandese torna a comunicare attraverso i suoi social network

“C’è ancora tanta strada da fare, con calma e passo dopo passo”. A poco più di un mese dall’infortunio in allenamento che gli ha provocato la rottura della tibia, Gini Wijnaldum torna a parlare. Lo fa con due messaggi pubblicati sui social a commento di un video in cui si vede l’olandese, ancora con le stampelle e con il tutore alla gamba infortunata, mentre svolge degli esercizi di potenziamento muscolare sotto lo sguardo vigile di un preparatore.

È stato il grande assente della prima parte della stagione romanista, Wijnaldum, e la sua mancanza ha costretto Mourinho a modificare i piani di gioco. Se la scelta di non operarsi e di procedere con la terapia conservativa, nonostante più di uno specialista gli avesse consigliato l’intervento chirurgico, sia stata vincente o meno, lo si saprà nei prossimi giorni, quando il centrocampista olandese si sottoporrà al primo controllo: a seconda dell’esito si potranno cominciare ad ipotizzare i tempi del suo rientro.

La cosa certa è che, anche se si fosse operato, non avrebbe partecipato al Mondiale con la nazionale olandese: Wijnaldum tornerà sicuramente nel 2023, bisogna capire se già dalla prima post Mondiale, il 4 gennaio all’Olimpico contro il Bologna, o se ci vorrà più tempo. Difficile che possa essere a disposizione per la tournée che la squadra giallorossa sosterrà in Giappone tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre, durante la sosta. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa