Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma-Lecce 2-1, la moviola dei quotidiani: ok il rigore, rosso severo

Prontera insufficiente nella gara dell’Olimpico

Termina 2-1 in favore della Roma la gara casalinga contro il Lecce. I salentini sono rimasti in 1o attorno al 20′ del primo tempo, e la squadra di Mourinho ha vinto la partita con il rigore decisivo di Dybala. Questa la moviola dei quotidiani:

La Gazzetta dello Sport

È il Var Banti a richiamare Prontera al monitor in occasione dell’espulsione di Hjulmand al 21′ del primo tempo per fallo su Belotti: la gamba del danese che finisce per colire la tibia del giallorosso si solleva da terra soprattutto per l’effetto della scivolata reciproca ravvicinata, duro contrasto di gioco che sarebbe stato più giusto punire con il giallo. Nessun dubbio sull’1-0 della Roma: Smalling sovrasta Gendrey senza affossarlo. Ok anche il rigore. Abraham è abile a colpire il pallone e a lasciare il piede destro dietro. Voto: 5,5. 

Il Corriere dello Sport

In difficoltà Prontera durante tutta la partita, sempre ad inseguire: poco accettato in campo (in particolare dai giocatori del Lecce, nel tunnel prima dell’inizio del secondo tempo ha espulso il ds Trinchera), diverse decisioni sbagliate (un angolo netto stava per essere trasformato in una rimessa dal fondo),  fischia lui il rigore ma era davvero molto semplice.  Entrata di Hjulmand su Belotti, la gamba destra è alta e finisce sulla gamba destra dell’attaccante giallorosso. Incredibilmente, Prontera non fischia neanche la punizione, mettendo in chiara difficoltà il VAR. Dove c’era Banti (a Lissone), che veniva dalla pessima gestione del mancato rosso ad Orsolini (sabato sera in Bologna-Samp) e dunque stavolta non ha esitato a chiamare l’OFR. C’è il calcio di Askildsen su Abraham che porta al rigore, l’inglese resta un secondo in piedi su quella gamba (la destra) poi va giù, questo ha agitato i teorici del rigore generoso, che invece c’è. Voto: 5.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa