Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ibanez, una certezza: “Pronti a tutto”

Roma-Real Betis dove vedere in tv streaming

Ibanez pronto per una grande sfida europea

È uno dei sei giocatori che finora ha giocato tutte e 12 le partite di questo inizio di stagione. Rispetto agli altri cinque (Matic, Smalling, Cristante, Spinazzola e Mancini) Roger Ibanez ha qualcosa in più, è quello che ha giocato più minuti di tutti (1.035).

E forse basterebbe questo dato per testimoniare la maturazione raggiunta dal brasiliano con Mourinho, che gli ha insegnato a limare i difetti (concentrazione e attenzione) ed esaltare le qualità (anticipo, marcatura ed esplosività fisica). E non è certo un caso che il brasiliano si stia giocando un posto al Mondiale.

Proprio adesso, proprio con queste nove gare da qui al Qatar che gli potrebbero anche cambiare la vita. “Ma io so bene che per poter andare al Mondiale devo continuare a lavorare bene con la Roma – dice Roger – devo dare sempre il mio meglio, restare focalizzato sulla Roma. Il resto si vedrà eventualmente dopo. Ed, in caso, sarà un premio per quello che avrò fatto qui, in giallorosso”.

Ed allora bisognerà far bene già oggi pomeriggio, quando la Roma al Benito Villamarin dovrà vendicare la sconfitta di una settimana fa e tenere aperte le porte alla qualificazione alla seconda fase di questa Europa League. “Stiamo lavorando al massimo per poter andare sempre più in alto – continua il brasiliano – in questo momento ci mancano alcuni giocatori, ma chi entra al loro posto è pronto a dare il massimo. Stiamo bene, siamo pronti per qualsiasi evenienza”. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa