Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho, tre punti con vista su Napoli: “Noi, cuore e cervello”

Mourinho si gode la vittoria e punta il Napoli

“Una vittoria meritata e una partita intelligente, ma tanto qualcuno non sarà d’accordo. Ho sentito dire che abbiamo vinto con l’Inter perché scarsa o perso con l’Atalanta perché cinica, ma ha fatto un tiro in porta. Si vede che è dura dare credito a questa squadra“.

José Mourinho si gode la sua Roma, quarta in classifica, e coglie l’occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Settima vittoria su dieci gare in campionato: i giallorossi segnano con Pellegrini su rigore, controllano, sfiorano a più riprese il secondo gol e tengono a bada le offensive della Sampdoria di Stankovic. “Abbiamo anima, cuore e organizzazione. Sono molto felice perché, al netto dei problemi che abbiamo, stiamo facendo il massimo. Oggi Rui non fa una parata“.

Sorprendenti le scelte iniziali dello Special One: Matic fuori ma soprattutto Zaniolo, che alla vigilia sembrava certo di una maglia da titolare. “Nicolò? Sapevo sarebbe stato devastante una volta entrato. È mancato solo il gol”.

Alla fine il destro che ha deciso la sfida è quello di capitan Pellegrini, alla 200esima partita in Serie A: “A Empoli la tanta voglia di sbloccarmi mi ha portato a sbagliare, oggi ero certo di segnare. Questa è una grande vittoria, nel secondo tempo abbiamo dimostrato quanto fossimo venuti qui per vincere. Obiettivi? Sarò onesto con i nostri tifosi: dico loro che questa Roma non so dove potrà arrivare, ma di sicuro non mollerà di un centimetro. Spero siano fieri di noi“.

E sicuramente farà lo stesso nella prossima sfida, visto che il calendario mette in programma la tanto attesa sfida con il Napoli dell’ex Luciano Spalletti, con soli 4 punti a dividere le due squadre. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa