Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Le giallorosse piegano lo Slavia Praga

Esordio da favola per la Roma Femminile: battuto lo Slavia Praga

La Champions League dell’As Roma femminile inizia con il piede giusto. Nella prima uscita internazionale nella storia del club, le giallorosse si impongono 1-0 contro lo Slavia Praga, portandosi in testa al gruppo B insieme al Wolfsburg (che ieri ha battuto 4- il St.Polten).

A decidere il match è un gran gol segnato (apparentemente) da Haavi al 17′ della ripresa, brava a sfruttare una palla illuminante di Giugliano e a battere Lukasova con un colpo sotto delizioso. Sulla “presunta” rete della numero 11 però si è aperto un piccolo giallo: la Uefa – su indicazione del direttore di gara – ha infatti attribuito il gol a Giacinti, che ha accompagnato il pallone in porta seguendone la traiettoria.

Una rete che ha consentito alle ragazze di Alessandro Spugna di riprendere in mano le redini di una partita che si stava complicando terribilmente, anche a causa delle pessime condizioni del terreno del Francioni di Latina (pieno di tifosi giallorossi accorsi dalla Capitale e non solo).

A due minuti dall’intervallo invece, è un intervento miracoloso di Ceasar a salvare il risultato su un colpo di testa a colpo sicuro di Kozarova. Brivido anche nel finale di partita, con la traversa centrata dallo Slavia sugli sviluppi di un corner. Per il resto le giallorosse hanno dominato tatticamente la partita.

Domenica la squadra di Spugna tornerà in campo alle 12.30 per affrontare il Como in campionato. In Serie A le giallorosse occupano il secondo posto insieme alla Fiorentina, ad un punto di distanza dall’Inter capolista. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa