Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Mou ritrova Lucio: lo Special One non vuole rovinare la tradizione

José contro Luciano, ancora una volta

José Mourinho scaramantico non è. Lo ha precisato lo stesso Special One prime della finale di Conference League vinta. Qualcuno del suo staff potrebbe però compiere atti apotropaici leggendo quanto segue. Allora precisiamo: le statistiche hanno un peso relativo e servono soltanto a riflettere su ciò che è stato. Soprattutto quando si tratta di anni così lontani tra loro può solo che essere una coincidenza. Eppure va detto: Mou sorride quando vede Lucio.

Roma-Inter

Il portoghese domenica non vorrà rovinare quella tradizione favorevole. Le statistiche dicono che Mourinho contro il portoghese ha vinto tre volte e pareggiato tre. Tradotto: è ancora imbattuto contro il tecnico di Certaldo. Il primo incrocio tra i due costò una Supercoppa Italiana alla Roma. I giallorossi risposero botta su botta all’Inter nell’agosto del 2008: prima Muntari poi De Rossi, prima Balotelli poi Vucinic. Il gol del montenegrino trasse però solo in inganno perché alla lotteria dei rigori Totti e Juan sbagliarono. La freddezza di Zanetti fece esultare Mourinho arrivato quell’estate in Italia. A ottobre, soli due mesi dopo, i nerazzurri all’Olimpico passarono con un rotondo quattro a zero: doppietta di Ibrahimovic e reti di Stankovic e Obinna. Quell’anno gli scontri sono stati quattro. In Coppa Italia ai quarti Taddei rispose al gol di Adriano e Ibra risultò decisivo. In quella partita Vucinic lasciò il campo per infortunio. A marzo Spalletti strappò il primo punto a Mourinho con un risultato che aveva però il sapore del rimpianto. La Roma aveva saputo portarsi prima sul 2-0 con De Rossi e Riise, poi sul 3-1 con di Balotelli e Crespo. Nell’ultima mezz’ora Super Mario e Crespo evitarono la sconfitta dell’Inter.

Roma-Napoli

I due si sono rincrociati dodici anni dopo. In mezzo c’è sempre la Roma che però ora è allenata da Mourinho mentre Spalletti è stato chiamato dal Napoli. Nelle due sfide dello scorso campionato di A non si sono fatti male a vicenda portando a casa due punti a testa. Nel primo le porte sono rimaste inviolate, nel secondo El Shaarawy in pieno recupero ha risposto a Insigne. Domenica ci sarà il settimo capitolo con Mou che non ha nessuna intenzione di spezzare questa striscia di risultati utili.

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti