Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma aggiusta la mira

Giallorossi più precisi nelle ultime gare

Il problema di efficienza dipende dalla testa ma anche dalla tecnica. E così José Mourinho ha deciso di dedicare un allenamento quasi intero alle esercitazioni sui tiri in porta. È successo sabato, due giorni prima della partita contro il Verona, nella speranza di migliorare la concretezza offensiva che è stata finora il principale difetto strutturale della Roma. La Roma ha segnato 6 reti in meno rispetto allo scorso campionato, un dato che non dipende in alcun modo da Abraham, fermo in Serie A al gol di Empoli del 12 settembre: anche nella sua prima stagione italiana, era a quota 2 dopo 11 giornate. E non dipende neppure da Zaniolo, che di questi tempi nel 2021 era a zero proprio come oggi.

Dybala, che prima di farsi male era arrivato a 5, in questo ragionamento ovviamente non rileva: ha rimpiazzato da solo le reti dei centrocampisti persi, Veretout (3) e Mkhitaryan (2). Sono invece mancati i gol di Pellegrini (1 contro 5), che tuttavia ha scontato due handicap: la posizione più lontana dalla porta. C’è però anche una tendenza recente da considerare. Fino a qualche settimana fa, la Roma era nelle primissime posizioni in Serie A per numero di tiri tentati e occasioni create. Nelle ultime partite invece il ritmo di produttività è un po’ calato, con il preoccupante “zero” registrato nella sconfitta contro il Napoli. Non capitava da sette anni alla Roma di trascorrere un’intera partita di Serie A senza mai azzeccare la direzione di un tiro. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa