Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Da Zalewski a El Shaarawy, Mourinho cancella il ruolo “fisso”

I Jolly dello Special One

Stephan El Shaarawy si scopre quinto di centrocampo all’alba dei 30 anni. Dopo una carriera passata da esterno alto a sinistra o seconda punta, José Mourinho gli ha regalato una nuova giovinezza nel ruolo di esterno a tutta fascia. Il Faraone non si è fatto trovare impreparato e ha sfruttato l’occasione candidandosi a vice Spinazzola. Qualcosa da rivedere in fase difensiva c’è, ma contro il Verona è tornato anche al gol. Una rinascita dovuta a Mourinho che ha avuto l’intuizione e il coraggio di provarlo in zone di campo meno in linea con il suo passato.

Il tutto nasce per via della maledizione dei terzini che ha colpito Trigoria decimando gli esterni bassi: da Karsdorp a Zalewski, arrivando a Celik e Spinazzola (rientrerà nel 2023 per una lesione al retto femorale). José ha fatto di necessità virtù lavorando su alcune caratteristiche del giocatore per sfruttarle a suo vantaggio: “In realtà il quinto l’ho già fatto in passato”, ha detto ieri El Shaarawy.

Ed è vero, ma la prima volta è accaduto in Roma-Frosinone del 30 gennaio 2016 quando in panchina c’era Luciano Spalletti. Cambiare posizione a un calciatore è uno dei marchi di fabbrica di Mourinho. Da quando è alla Roma ha spostato Zalewski da esterno alto a basso lanciandolo definitivamente nel calcio che conta. Ha fatto giocare Pellegrini in quasi tutti i ruoli del centrocampo e della trequarti. Non solo, Cristante ormai è un play a tutti gli effetti ma all’occorrenza, seguendo le tracce del connazionale Fonseca, ha giocato anche difensore centrale (nel 2-2 col Bodo). Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa