Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stasera il quindicesimo sold out

Pienone all’Olimpico per accompagnare la Roma in Europa League

“Uno stadio esaurito, grande come l’Olimpico, è sempre una notizia. Parliamo della nostra gente, della nostra famiglia”. Difficile smentire un allenatore come José Mourinho, anche se ormai il sold out nelle partite casalinghe della Roma rappresenta la regola, non l’eccezione.

Da quando c’è lui è stato un crescendo visto che, dall’esordio contro la Fiorentina della scorsa stagione alla partita contro il Napoli, ci sono stati all’Olimpico oltre un milione e 650mila romanisti. Prima con la capienza ridotta, poi con tutto l’impianto aperto, la crescita è stata continua e costante: merito, naturalmente, dell’empatia che Mourinho e i giocatori hanno creato con i tifosi. Ma merito, anche, della politica dei prezzi voluta e adottata dalla società tutta.

Le partite di stasera contro il Ludogorets e di domenica contro la Lazio non si discosteranno dal trend degli ultimi mesi, iniziato proprio in un derby, quello del 20 marzo: 51.932 gli spettatori presenti e primo sold out, ma con lo stadio ancora al 75%. Da quel momento, trovare un seggiolino libero all’Olimpico è stato impossibile: in campionato, in coppa, persino nella presentazione contro lo Shakhtar, la Roma ha fatto registrare il tutto esaurito. Stasera arriverà il quindicesimo, domenica il sedicesimo, contro il Torino è molto probabile che arrivi il diciassettesimo. E per la sfida di coppa Italia contro il Genoa di gennaio sono previsti già più di 50mila spettatori, di cui 36mila già abbonati in Europa League. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

19 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

19 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa