Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo sogna il primo gol al derby in un Olimpico a tinte giallorosse

Questa volta Nicolò partirà titolare

Il mister mi ha chiesto come stavo, io gli ho dato la mia disponibilità perché la Roma viene prima di tutto“. Lo stato emotivo di Nicolò Zaniolo viene racchiuso in queste poche ma significative parole, scandite nel cuore della serata magica dell’Olimpico, dopo la rete siglata al Ludogorets. Con questa fame e con questa voglia, Nicolò ora punta ad una gioia che attende da tempo: segnare alla Lazio nel derby. Un’antipatia quasi innata, una rivalità che ha avuto modo di accendersi sin dalle prime uscite: spesso bersagliato sugli spalti, Zaniolo ora vuole fare la differenza in campo: “Tutti noi sappiamo quanto vale questa partita. Posso promettere che domenica metteremo in campo il 200%“.

Con i suoi strappi, le sue giocate e finalmente l’efficacia realizzativa sotto porta, che stava inseguendo da inizio stagione, il numero 22 giallorosso può esser l’uomo in grado di spaccare la partita. Un palo gli strozzò l’urlo in gola nel derby d’andata della passata stagione, domani vuole spezzare la maledizione ed esultare nuovamente con i suoi tifosi. A poche ore dal fischio d’inizio del derby, i Friedkin giocano su più campi, ma non vedono l’ora di vedere lo Stadio Olimpico colorarsi di nuovo di giallorosso. Mormorano dalla Curva Sud che la scenografia, ormai in via di completamento, sarà qualcosa di straordinario. L’attesa in città è davvero tanta, domani il giorno della verità. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa