Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou, che succede? Le punte non girano ed è anche svanito il fattore Olimpico

Lo Special One difende i suoi, ma l’attacco è un problema enorme

Quando si dice proteggere i propri giocatori. Dopo il derby, la difesa di José Mourinho dei centravanti è stata granitica: “Preferisco dire che è colpa mia“. Lodevole, ma se la Roma è una delle squadre della Serie A che crea più occasioni da gol e poi il bottino complessivo la relega ad avere soltanto il 9° attacco del campionato con appena 16 reti segnate (un anno fa erano 23), è logico che sul banco degli imputati vadano le punte. Pagato dazio alla sfortuna (10 i legni colpiti), è sotto gli occhi di tutti che Tammy Abraham sia l’ombra del giocatore che ha scritto una pagina di storia giallorossa, realizzando 27 gol al suo primo anno. L’impegno è fuori discussione, ma l’inglese sembra davvero vittima di una maledizione.

Al termine della Stracittadina amaramente perduta, il mantra dello Special One è stato uno solo: “Ci manca qualità, ci manca chi accenda la luce“. Tenendo conto che Paulo Dybala (che ieri si è allenato con la palla) potrebbe tornare tra i convocati già domenica prossima, l’allarme si è acceso sul fronte Wijnaldum. José Mourinho infatti ha detto: “Non so se potrò averlo già a gennaio“. C’è poi un paradosso che galleggia nella stagione della Roma, soprattutto sul fronte campionato. Mentre il pubblico giallorosso è sempre più da primato, giunto com’è al sedicesimo tutto esaurito per le partite casalinghe (e la serie è cominciata ad aprile scorso), il rendimento della squadra è assai più brillante in trasferta che all’Olimpico. Dei 25 punti conquistati fin qui in Serie A dalla Roma, ben 16 sono arrivati fuori casa e appena 9 in casa. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa