Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Dionisi: “Contento per la prestazione, ma c’è rammarico per il risultato”

Le parole dell’allenatore neroverde dopo il pareggio contro la Roma

Un pareggio importantissimo per il Sassuolo dopo un periodo non troppo semplice. Di seguito le parole dell’allenatore neroverde rilasciate a Dazan.

Dioni soddisfatti della prestazione?

“Sì, siamo soddisfatti. Mi è piaciuto lo spirito e spero che la partita di oggi ci faccia capire che squadra dobbiamo essere. Siamo stati bravi in possesso palla e abbiamo calciato più della Roma in porta. I ragazzi se lo meritavano dopo giorni delicati”.

Su Laurienté

“E’ un giocatore importante, e non è facile arrivare alla quinta giornata di campionato. Si è sin da subito ambientato, lui ci sta mettendo applicazione e credo che abbia grandi margini”.

Può fare ancora di più Pinamonti…

“Son contento per Andrea. Se lo meritava dopo diverse prestazioni positive. Se segna l’attaccante vuol dire che c’è già un buon gioco di squadra”.

Come si spiega la prestazione di Empoli?

“Non ci ho dormito per un paio di notti. Ora dobbiamo guardare avanti, c’è il Bologna. Dovremo cercare di non commettere gli stessi errori”.

Come sta Berardi?

“Bene. Ha giocato i minuti che aveva a disposizione. Per noi averlo o non averlo fa tanta differenza. Giocare senza di lui è difficile. Per i compagni è una spinta già vederlo solo in panchina. Già dalla prossima sarà disponibile”.

Si stava dimenticando di salutare Mou..

“L’avrei fatto dopo dietro le quinte. Volevo andarmi a complimentare con lui subito al triplice fischio”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News