Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il sogno di Volpato scalda la baby Roma

Oggi tocca al diciottenne dare fantasia all’attacco giallorosso

Bastava vedere le facce. La Roma ha urgente bisogno di una vittoria per “tornare a sorridere”, come direbbe Mourinho che ieri ha provato a scuotere i giocatori dal torpore post-derby. La storia recente racconta che la Roma ha vinto 12 volte su 12 dopo essere stata battuta dalla Lazio ma questo non basta a garantire tranquillità all’allenatore, che all’aeroporto di Parma è sbarcato senza Dybala, Wijnaldum, Pellegrini e Spinazzola.  La sensazione è che qualche sorpresa di formazione ci sarà. Di sicuro sarà una Roma a trazione giovane. Zalewski, classe 2002, dovrebbe essere confermato sulla sinistra, con il recuperato Celik a dare il cambio a Karsdorp a destra.

Ma la novità più importante può essere Cristian Volpato, 19 anni da compiere il 15 novembre: contro la squadra che lo voleva in estate, sul campo in cui ha giocato l’ultima finale Primavera è atteso al debutto da titolare in Serie A. Non è un azzardo, ma è una scelta. E attenzione perché altri ragazzini sperano di essere utilizzati contro il Sassuolo, i centrocampisti Bove (2002) e Tahirovic (2003) ormai presenze fisse tra i convocati della prima squadra. Bove ha avuto fin qui poco spazio ma è molto stimato, sia da Mourinho che da Tiago Pinto, tanto è vero che la sua cessione non è mai stata presa in considerazione. Invece Tahirovic, dopo un momento critico determinato da una “fuga” improvvisa in Svezia, è nominato spesso dall’allenatore come esempio di un giovane ormai pronto per la Serie A. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa