Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho striglia Tammy e la Roma

Il tecnico punge il centravanti inglese

Più che una conferenza, è stata una lezione. Dietro alla cattedra di Trigoria, José Mourinho ha spiegato il momento della Roma senza risparmiare un vocabolo. Dalle difficoltà legate agli infortuni, cominciando naturalmente da Dybala, alle mancanze della squadra che ha vinto a Tirana e su Tirana si è adagiata. E la stoccata finale ad Abraham, appena prima di salire sul pullman che ha portato la squadra all’aeroporto, è un messaggio inequivocabile: caro Tammy, il tempo è scaduto.

A me non piace piangere ma siccome tutti i miei colleghi lo fanno, un po’ piango anche io: abbiamo giocato il derby con la squadra dello scorso anno, in cui Camara ha preso il posto di Mkhitaryan. È un fatto. Il nostro “mercatino” (il diminutivo non sembra casuale, ndr) non sta giocando. A centrocampo la Roma ha perso in estate tre calciatori: Micki, Veretout e Sergio Oliveira. Dei sostituti Wijnaldum non ha mai giocato, Camara è arrivato all’ultimo momento e sta cominciando a crescere adesso, Matic era stato scelto perché fosse un’alternativa a Cristante. Siamo pochi. E così Pellegrini, che ha uno storico di fragilità muscolare, ha dovuto giocare troppo. Non gli si poteva chiedere di essere sempre al 101 per cento. Il lato positivo di questa situazione è far crescere i giovani: Zalewski, Volpato, ora verranno Bove e presto anche Tahirovic. Anche così, comunque, la Roma ha raccolto i punti che lo scorso anno aveva raggiunto dopo 15 giornate significa che se otterremo qualcosa contro Sassuolo e Torino arriveremo alla sosta più avanti rispetto al 2021. Speriamo di tornare a sorridere da subito”.

Cosa succede ad Abraham? Dovreste chiederlo a lui, quando farà la prossima intervista. Se è assente, se ha qualche problema, se pensa al Mondiale…“. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa