Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pruzzo: “Abraham è un mistero, ma vorrei più qualità”

L’intervista all’ex attaccante giallorosso

Parola di bomber. Roberto Pruzzo al quotidiano ha parlato dei centravanti della Roma, Tammy Abraham ed Andrea Belotti, e  della poca qualità che attanaglia la squadra di Mourinho.

Roberto Pruzzo, lei è la personificazione della Roma bella, vincente e prolifica: dal punto di vista dello spettacolo l’ultimo derby ha dato poco.

“Io ero convinto che sarebbe finita in un pareggio. Poi Ibanez ha fatto quell’errore ed è cambiato tutto. Certo, entrambe le squadre avevano assenze, ma di bel gioco se n’è visto proprio poco”.

Ha sentito Mourinho domenica? “In Inghilterra dopo venti minuti di una partita del genere la gente andava a casa, noi latini invece abbiamo un’altra mentalità”

“Forse sarebbe ora che anche noi cominciassimo a fare come gli inglesi, ma non credo che succederà mai. Non voglio parlare della Lazio, ma anche se la Roma in questo momento ha difficoltà oggettive per l’assenza del giocatore migliore, cioè Dybala, il gioco in certi momenti è parso involuto, macchinoso. Per carità, succedeva anche ai miei tempi, ma poi c’era sempre chi si inventava la giocata per risolvere la partita. Adesso invece accade più raramente”.

Crede che il problema potrebbe essere il sistema di gioco?

“Di sicuro col 3-5-2 o similari hai una squadra compatta, chiusa, solida, ma poi è più difficile andare a proporre manovre ariose. Mourinho dice che le caratteristiche dei giocatori che ha in rosa lo portano a fare questa scelta. Sarà…”.

Da ex attaccante, che cosa succede ad Abraham e Belotti?

“Non lo so. L’inglese sembra un altro giocatore rispetto allo scorso anno. Eppure le qualità le avrebbe. Discorso diverso per Belotti. Lui è generoso, ma non è che abbia doti tecniche eccelse”.

Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa