Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho chiude il 2022 con il Torino. C’è Dybala

Mou ritrova Dybala e chiude il 2022 con il Torino

Con il sorriso di Dybala, il caso Karsdorp e una classifica da migliorare: la Roma di Josè Mourinho alle 15 affronta all’Olimpico il Torino di Juric, dopo alcuni giorni di grande intensità e nervosismo. L’argentino ha recuperato dalla lesione al flessore sinistro e oggi, a distanza di 35 giorni dal ko con il Lecce, tornerà nell’elenco dei convocati dello Special One. Nonostante il buon umore, vista la convocazione della sua Argentina per il Mondiale in Qatar, e una discreta forma, la Joya partirà dalla panchina. Lo sviluppo della gara suggerirà in corso d’opera il momento migliore per il suo ingresso in campo.

Chi invece non farà parte della gara è Karsdorp. Il caso vuole che ci sia solo l’impegno di oggi, l’ultimo prima della sosta per il Mondiale: una pausa che permetterà a tutte le parti in causa (agente compreso) di ragionare con più freddezza sul caso scoppiato nel post gara di Sassuolo-Roma e valutare tutti gli scenari possibili. L’olandese ha svolto tutta la rifinitura con i compagni, senza il minimo cenno di nervosismo. La sua partenza a gennaio rimane un’ipotesi non facile ma comunque da prendere in considerazione: la Juventus, visti i problemi sulla destra, potrebbe affacciarsi a Trigoria per discutere dell’opportunità di mercato.

Tornando al campo, Mou ha sciolto gli ultimi dubbi riguardo la formazione: davanti a Rui Patricio, spazio alla difesa titolare con Mancini, Smalling e Ibanez. In mediana, sulle fasce Celik e Zalewski, in mediana Cristante, e Matic, davanti Zaniolo e Volpato (prima convocazione in U21) alle spalle di Abraham. Con Dybala pronto a subentrare per far impazzire l’Olimpico. Mourinho vuole chiudere il 2022 con una vittoria, a Reggio Emilia è stato chiaro: nessun calo di tensione o atteggiamento sbagliato sarà più perdonato dallo Special One. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa