Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il paziente inglese: Abraham soffre il dualismo con Dybala. L’involuzione preoccupa Mou

L’involuzione di Abraham preoccupa Mourinho

Tammy Abraham è irriconoscibile. O forse è tornato quello che era al suo ultimo anno al Chelsea: un giocatore da relegare in panchina e mettere ai margini della rosa. Ha difficoltà a inquadrare la porta, a prendere la decisione giusta, a controllare il pallone, a giocare di prima e a trascinare i compagni in difficoltà. Sei mesi fa era un leader, adesso è un soldato semplice. Ha chiuso la stagione con 27 reti, adesso è a 4. Un’involuzione evidente a chiunque e che probabilmente Mourinho ha capito prima di tutti.

Era il 12 settembre quando José al termine del 2-1 rifilato all’Empoli diceva: “Qualche giocatore si sente un po’ giù, invece deve capire che una squadra per migliorare ha bisogno di competitività interna”. Il riferimento era Tammy, non tanto per i gol che tardano ad arrivare (Lo scorso anno a questo punto della stagione ne aveva segnati 10) quanto per l’atteggiamento in campo che appare insicuro e sfiducia-to. Mou ha certificato che non si tratta di una questione atletica.

A difesa di Pellegrini, ad esempio, mette sempre in primo piano. Taspetto fisico e non ne discute mai quello mentale. Per Tammy è diverso, gioca male perché è distratto, E chissà, se hanno ragione i tabloid inglesi che tirano in ballo la crisi avuta in estate con la sua storica fidanzata Leah. Tutto sarebbe rientrato, ma l’equilibrio è comunque venuto a mancare e potrebbe aver inciso sul suo rendimento. Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa