Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Giugliano: “Siamo contentissime di essere riuscite a portare a casa questo successo”

Le parole della centrocampista giallorossa dopo la vittoria per 2-0 contro la Sampdoria

La Roma vince 2-0 contro la Sampdoria e porta a casa l’undicesimo successo consecutivo in tutte le competizioni. Al termine della gara ha parlato Manuela Giugliano, autrice del momentaneo 1-0 per le giallorosse.

Una grande vittoria. La Roma chiude il girone di andata al primo posto. È un percorso che continua a stupire.
“Assolutamente sì. Siamo contentissime di essere riuscite a portare a casa questo successo, perché sapevamo che non sarebbe stato facile, considerando che tante di noi sono state impegnate in nazionale. Abbiamo dimostrato di avere un grande valore di squadra. Questo ci porterà a raggiungere dei grandi obiettivi”.

Questa fascia ti dà responsabilità, ma ti stimola anche.
“Certo. Sono felice di indossarla, ma ci tengo a ribadire che il nostro capitano resta Elisa (Bartoli, ndr). Diciamo che questa cosa del gol mi porta fortuna: prima della partita Elisa mi dice di tirare in porta, e da quando lo fa io segno sempre. È successo con il St. Polten ed è capitato oggi. Deve continuare a ripetermelo”.

Adesso arriva un periodo molto intenso. Era importante iniziare questo ciclo di gare con il piede giusto.
“Assolutamente sì. Siamo contente. Sicuramente, vincere aiuta a vincere. E questa situazione la stiamo metabolizzando. Lavoriamo tutta la settimana su questo aspetto, che per noi è fondamentale. Mercoledì ci attende una partita molto importante. Continueremo ad allenarci per portare a casa anche questa gara”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile