Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il mercato agita Mourinho: “Ora serve di più”. Frattesi nel mirino

Mourinho attende i colpi dal mercato, Frattesi rimane nel mirino

Qualche giorno di relax in famiglia, poi la presenza al Thinking Football Summit di Porto, dove ha ricevuto un premio alla carriera. Stamattina il rientro a Trigoria per accogliere la squadra nel pomeriggio. Giorni di riflessioni e spostamenti per José Mourinho, che sta preparando al meglio la tournée in Giappone.

Lo Special One guarda al futuro con una sola consapevolezza: occorre alzare l’asticella. Dal punto di vista dell’impegno, del rendimento, della qualità. L’input lanciato alla squadra mercato prima di partire è stato chiaro: “Serve di più”. Solbakken è pronto a dare profondità alle rotazioni in attacco e aggiungere qualità al reparto, i recuperi di Spinazzola, Wijnaldum e Dybala faranno il resto. Ma la speranza che qualcosa in più possa arrivare esiste nella testa del tecnico portoghese.

È vero, i paletti finanziari imposti dall’Uefa non lasciano spazio per grandi investimenti, ma laddove i soldi non possono fare la differenza, servono le idee. In difesa rimane alto l’interesse per Evan Ndicka dell’Eintracht Francoforte. Scadenza di contratto giugno 2023, come per Houssem Aouar del Lione: il centrocampista francese ha comunicato al club transalpino che non rinnoverà ed è pronto a tuffarsi in una nuova avventura.

Ma soprattutto a Trigoria non hanno mai perso di vista Davide Frattesi. Il centrocampista del Sassuolo non si è mai arreso e non ha cambiato idea: vuole tornare a indossare la maglia della Roma. Il ragazzo, cresciuto a Trigoria, continua a mandare segnali anche al suo club, che per il momento rimane fermo sulla propria posizione. Pinto sta lavorando sottotraccia per riaprire il fronte di trattativa, con la possibilità di inserire qualche giovane (su tutti Bove) ed abbassare ancor di più la quotazione che ne fa Carnevali, mantenendo il 30% di ricompra sul centrocampista. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa