Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fattore “esterno”: i numeri sono da incubo

Gli esterni giallorossi non incidono e la squadra ne risente

Il fattore esterno? Non esiste, nella Roma. Dati da incubo. Nelle ventuno gare ufficiali giocate prima della sosta mondiale (15 di campionato e 6 di Europa League), la Roma – che difende a tre – dal primo minuto ha presentato sulle corsie esterne 8 coppie. Con l’impiego di 6 giocatori a tutta fascia. Il tandem più gettonato è stato quello formato da Karsdorp Spinazzola, 6 volte.

Karsdorp non è mai stato messo seriamente in discussione. Mou gli ha assegnato/confermato la corsia di destra, relegando il nuovo arrivato Celik ad alternativa, e da lì non si è spostato. Il rendimento dell’olandese, però, da subito non è stato all’altezza delle aspettative: una presenza in campo spesso anonima, una partecipazione alla fase offensiva molto limitata e un aiuto al reparto difensivo raramente adeguato.

La Roma, in campionato, è riuscita a trasformare in gol soltanto un assist di un suo esterno, quello di Spinazzola in casa dell’Inter (gol di Dybala). El Shaarawy ha segnato un gol (a Verona) ma da attaccante; gli altri esterni sono ancora miseramente a quota 0. E questo aiuta ancor più a spiegare il “mal di go”» della Roma. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa