Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’Argentina deve svoltare, serve una Joya: Dybala scalda il motore

Chance per Dybala contro il Messico?

Tra le domande più sollevate nelle analisi dopo la tremenda sconfitta con l’Arabia Saudita, questa: ma perché Scaloni non ha impiegato Paulo Dybala nel finale? Con Di Maria, Gomez e Messi in giornata di pochissima grazia, la freschezza tecnica della Joya avrebbe potuto schiudere varchi e accendere scintille. Dybala viene da un lungo infortunio, ma nell’ultima partita contro il Torino, ha lanciato ottimi segnali di salute: scatti, invenzioni, un palo, un rigore procurato. È entrato con la Roma sotto e l’ha tirata su. Appunto, Scaloni.

Quest’estate, mentre Messi, Gomez e altri argentini si compattavano sulle spiagge, Dybala faceva le vacanze per conto suo a Miami. Paulo non era in quella stanza di Rio de Janeiro a pescare carte dal mazzo. Nell’aprile 2017, quarti di Champions, la Joya segnò una splendida doppietta in faccia a Messi: Juve-Barcellona 3-0. Molti lessero quella notte come il passaggio di consegne. Leo prese nota. Non bastasse, nel settembre di quello stesso anno la Joya spiegò: “È difficile giocare con Messi. Occupiamo la stessa posizione e mi tocca adeguarmi”. Erano i tempi in cui gli chiedevano di defilarsi a destra. Di quelle parole, Dybala ha poi dovuto rendere conto a Leo e poi, nel 2020, farne un’aiura pubblica: “Avrei dovuto esprimermi in modo diverso. Io occupo questo ruolo da 5 anni, lui da 15, è naturale che debba sacrificarmi”. Tutto chiarito, ma la ruggine è rimasta.

Non avendo mai giocato nel Boca o nel River, Paulo non ha mai goduto di una spinta popolare, la sensazione è che in questo Mondiale, a questa Argentina che ha i creativi spompi e l’umore rasoterra, la Joya possa essere preziosa, già a partire dal Messico. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa