Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho fa spazio per gennaio

Qualcosa potrebbe cambiare per la seconda parte di stagione

Pinto cerca… spazio. Un aiuto, in previsione di gennaio, glielo sta dando sicuramente Mourinho, ripreso ieri mentre giocava uno strano futvolley (con una grata a fare da rete) nell’hotel che ospita la Roma a Tokyo. Da un lato il caso Karsdorp (del quale il gm avrebbe fatto volentieri a meno), dall’altro una serie di calciatori che sinora non hanno trovato spazio. E difficilmente lo troveranno, qualora dovessero restare, José da questo punto di vista è difficilmente malleabile.

Vien da sé che Shomurodov (115 minuti disputati in serie A). Bove (43) e Kumbulia (42), oltre Karsdorp (ma per l’olandese è un’altra storia), se ceduti potrebbero aprire degli slot da riempire. Rigorosamente in prestito, visto che a parametro zero, tolto Solbakken (presentato ieri: “Ho esaudito il mio desiderio, volevo diventare un calciatore della Roma“) il mercato offre poco.

Il ritornello “uno esce e uno entra”, torna di moda anche dalle parti di Trigoria. Squadre interessate ai calciatori giallorossi non mancano: per Shomurodov si è fatta avanti la Cremonese. Per Bove, c’è soltanto l’imbarazzo della scelta: Lecce, Spezia, Salernitana sono in fila per accaparrarsi il classe 2002, bloccato la scorsa estate da Mourinho quando il Sassuolo lo chiedeva per Frattesi (oltre a un conguaglio di una ventina di milioni, considerando che la Roma detiene il 30% del cartellino). Lo scrive Il Messaggero.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa