Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho pensa al mercato anche in Giappone: “Non faccio miracoli”

Lo Special One lancia messaggi ai Friedkin

Non abbiamo il potenziale per andare a prendere calciatori in Premier League che giocano nei top team“. Se i Friedkin pensavano di veicolare al meglio l’immagine della Roma nel Paese del Sol Levante, anche grazie alla figura di José Mourinho, probabilmente il biglietto da visita che è emerso dalla prima conferenza stampa di Tokyo non è stato di certo entusiasmante.

Alla vigilia dell’amichevole di questa mattina contro il Nagoya Grampus (calcio d’inizio 11.30, diretta su Dazn) lo Special One si presenta davanti ai microfoni con il volto di chi ancora fatica a smaltire il corposo jet-lag, ma con le idee chiare su cosa servirebbe per tornare a vincere, come accaduto lo scorso anno in Conference League: “Noi allenatori possiamo migliorare i giocatori, ma non siamo in grado di fare miracoli“.

Tradotto? L’ennesima richiesta d’aiuto lanciata al gm Tiago Pinto, che poche ore dopo non ha voluto però addentrarsi nel tema mercato: “Senza dubbio teniamo in considerazione l’opinione del nostro allenatore ma anche dei paletti imposti dal fair play finanziario“.

Mourinho quindi rimpiange il livello della Premier League, Pinto invece esalta il colpo Abraham dal Chelsea, ricordando i tanti giocatori arrivati dall’Inghilterra e definendo lo Special One convinto più dal progetto che dai soldi. Un “botta e risposta” decisamente poco allineato, un racconto della stessa realtà ma con due visioni decisamente opposte. “Un giocatore giapponese a Roma? Se costa poco…”, è stata la battuta con la quale il tecnico portoghese ha liquidato la questione legata al mercato, tra le risate dei giornalisti giapponesi. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa