Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Oggi il primo test con tanti giovani

Amichevole a Nagoya per i giallorossi

Oggi primo test in Giappone. Alle ore 11,30 italiane la Roma giocherà contro il Nagoya Grampus nella prima delle due sfide, per poi vedersela contro gli Yokohama Marinos lunedì prossimo. Mourinho darà spazio a molti giovani. Nella Roma non ci sono i giocatori impegnati al Mondiale, vale a dire Dybala, Rui Patricio, Zalewski e Vina. Assente anche Cristante, rimasto a Roma a curarsi dppo l’intervento chirurgico alla mano. È tornato dalla Nazionale in tempo per partire per il Giappone anche Zaniolo. Tra i giovani ci sono Boer, Missori, Keramitsis, Tahirovic, Faticanti, Bove, Tripi, Volpato e Cherubini.

La partita si disputerà al Toyota Stadium di Toyota, città della prefettura giapponese di Aichi e sarà trasmessa in diretta su Dazn. Mourinho ieri ha detto: “I Marinos sono campioni, hanno più qualità e fantasia in avanti. Il Nagoya è organizzato, mi aspetto partite dure. Mi mancano giocatori ed il jet-lag non aiuta.

In ritiro con la Roma ci sono anche Pellegrini, Spinazzola e Belotti, reduci da infortuni muscolari, che non dovrebbero essere utilizzati, almeno nella prima partita. Mourinho ha spiegato: “Abbiamo giocatori importanti infortunati, è importante recuperarli. Non è un dramma ma abbiamo effetti a lungo raggio. Dobbiamo recuperarli. Poi il secondo obiettivo è dare riposo a chi ha giocato 3 partite a settimana. Dopo il Giappone i giocatori avranno dieci giorni di vacanza che sono importanti”. La preparazione riprenderà a Trigoria il 10 dicembre, pochi giorni prima della partenza per il Portogallo, dove si svolgerà un richiamo alla preparazione dal 15 al 22. Oltre ai giovani dovrebbero essere in campo dall’inizio il portiere Svilar, Ibanez, Kumbulla, Matic, El Shaarawy, Zaniolo e Abraham. Senza Pellegrini il capitano dovrebbe essere il Faraone, il più anziano come militanza in giallorosso. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa