Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ryan Friedkin tra campo e sponsor: Fendi raddoppia

La tournée nipponica tra campo e sponsor

È il giorno del debutto della Roma al Toyota Stadium. Non si tratta ovviamente di quello che i Friedkin vogliono costruire a Pietralata, ma della casa del Nagoya Grampus. La formazione di J League che gli uomini di Mourinho affronteranno nel primo impegno dell‘Eurojapan cup. Il calcio d’inizio è fissato alle 19:30 locali (11:30 italiane, diretta Dazn). Sarà l’occasione per vedere all’opera i “bambini” convocati dallo Special One per la tournée giapponese. Oltre a Volpato, il portoghese ha deciso di portare in terra nipponica anche Missori, Keramitsis, Tahirovic, Faticanti e Cherubini. Qualcuno potrebbe giocare dal 1′ – Tahirovic è candidato a fare coppia con Matic  – ma tutti avranno la possibilità di scendere in campo, in una gara che servirà più a far avvicinare i tifosi asiatici ai colori giallorossi che a fornire indicazioni tattiche.

In tribuna ci sarà anche Ryan Friedkin, volato nella terra del Sol Levante per seguire da vicino l‘espansione del brand Roma. All’interno di Casa Roma, quartiere generale romanista, sarà possibile assistere all’amichevole di oggi, oltre a visita il museo allestito. Negli ultimi tre giorni, i viaggiatori in transito dalla stazione di Shinjuki – prima al mondo per numero di passeggeri – hanno avuto la possibilità di guardare un maxischermo su cui è stato proiettato un video in 3D con protagonisti Mou e i giocatori.

I giapponesi hanno risposto in maniera positiva, prendendo d’assalto la palazzina giallorossa inaugurata mercoledì nel cuore pulsante della città. In due giorni più di tremila persone si sono messe in fila per visitare Casa Roma e incontrare i calciatori. La tournée in Giappone è stata scelta come punto di partenza anche per rafforzare la partnership con Fendi. Nelle prossime ore la maison italiana aprirà ai giallorossi le porte della propria boutique a Ginza, nel centro di Tokyo. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa