Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sprazzi di Tammy gol: “Lezione imparata”

L’attaccante deciso a riprendersi la Roma

L’umore è decisamente buono, visto che Tammy Abraham ieri, nell’ordine, si è allenato, ha partecipato a foto e firme con i tifosi, fatto una conferenza stampa e indossato divisa, e sorriso delle grandi occasioni ad un evento Fendi nel cuore di Tokyo. Abraham, che oggi dovrebbe giocare nella prima amichevole della tournée, non ha tutta questa voglia di riprendere le partite ufficiali e, visto come ha chiuso la prima parte di stagione, è pure comprensibile. In questo momento ha bisogno di ritrovare condizione fisica e mentale perché le brutte prestazioni di ottobre e novembre, i fischi dei tifosi e l’esclusione dal Mondiale pensato sulla testa e sul corpo.

Lui, col sorriso che lo accompagna sempre, non lo nega: “Mi godo la coppa del Mondo e mi alleno, ma mi sarebbe piaciuto essere in Qatar“. Logico, comprensibile per quanto Tammy stia cercando di guardare avanti e di prendere il lato positivo di tutto quello che gli sta capitando: “Credo che questo tipo di situazioni ti facciano crescere come uomo e come calciatore. Devo migliorare e maturare, spero di esserci al prossimo Mondiale“. Abraham sa di trovarsi davanti a un bivio: non è più ragazzino, ma non è neppure così grande da aver perso l’ultima occasione della vita. Di certo, il 2023 sarà un anno importante, quello della consacrazione, se ci riuscirà, e delle scelte drastiche, considerando che a giugno ci sarà l’eventuale diritto di recompra da parte del Chelsea per un valore di 80 milioni. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa