Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala spacca la tifoseria tra paura e speranza

Dybala ancora in panchina con l’Argentina

Se è una scelta tecnica, nulla da dire. Un allenatore ha il diritto di convocare e pure di non impiegare mai qualsiasi suo giocatore. Anche uno bravo, anzi molto bravo, semplicemente perché davanti a sé ha un compagno più forte. Anzi, il più forte. Uno come Leo Messi, insomma.

Se invece la scelta del costante parcheggio in panchina non fosse tecnica, ma legata a una condizione fisico/atletica precaria, beh allora sarebbe un bel guaio. Per la Roma, in questo caso, più che per l’Argentina. Qui si sta parlando di Paulo Dybala, mai schierato dal c.t. Scaloni nella Seleccion in Qatar. Mai mandato in campo sia con l’Argentina in difficoltà sia quando aveva il cuore più leggero.

E, allora, perché Paulo è stato convocato? Per fare il vice Messi. Questa la risposta più gettonata. E, forse, anche la più logica. E così Dybala non gioca mai e mai lo farà fin quando Scaloni avrà la possibilità di contare su Messi.

Intanto, però, il Dybala perennemente panchinaro alimenta il chiacchiericcio, fa discutere, spaccandoli, i tifosi della Roma. C’è chi si preoccupa (“Te l’avevo detto che non stava bene…”) e chi invece gongola (“Meglio che sta in panchina, così non rischia di farsi di nuovo male”). Differenti verità, diversi stati d’animo. Comprensibili entrambi. Si va avanti a forza di ipotesi. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa