Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo vuole rinnovare nel giro di due mesi: adesso tocca ai Friedkin

Ora Zaniolo ha fretta

Fra i tempi di sempre non smette di lievitare quello legato al rinnovo di contratto di Nicolò Zaniolo. Inutile dire che l’amichevole contro lo Yokohama Marinos ha rimesso in vetrina l’attaccante giallorosso, che da tempo aspetto il rinnovo del suo contratto. In realtà c’è da dire che il general manager Tiago Pinto, nei mesi scorsi, il suo lavoro l’ha fatto. Ovvero, con l’agente Claudio Vigorelli ha postole basi di un accordo che poteva avere i crismi della fattibilità. L’ultima parola, però, tocca alla proprietà e i Friedkin – per loro “forma mentis” – preferiscono allontanare certi temi quando la stagione è già delineata, a meno che non si tratti di cifre non fantasmagoriche (Mancini e Cristante) o ci siano scadenze alle porte (Pellegrini).

Inutile dire che la mancata priorità data alla sua situazione non ha fatto piacere a Zaniolo , ma gli dèi del calcio, a volte, devono anche farsi star bene cose meno gradevoli. A questo punto l’attaccante sa bene come il tempo giochi a suo favore, perché il contratto in scadenza nel 2024, senza rinnovo, abbassa di parecchio il valore del cartellino.  Morale: se nella scorsa estate il club giallorosso ha chiesto 50-60 milioni a tutto coloro che hanno chiesto informazioni, nella prossima sarebbe già un successo strappare la metà Proprio per questo il rinnovo potrebbe essere una cosa conveniente per entrambe le parti, anche Nicolò – tramite il suo agente – porrà tre condizioni.  Uno: una base d’ingaggio intorno ai 4 milioni che lo portino a essere fra quelli più pagati della squadra. Due: la certezza che il rinnovo sia per essere funzionale in un progetto e non solo un modo per venderlo al meglio nel prossimo mercato. Tre: che la trattativa si concluda entro la fine del mercato. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa