Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il mese della verità per Smalling

Il centrale inglese deve decidere del proprio futuro

Ansia no, ma un’attenta osservazione della situazione. Il rinnovo di Chris Smalling è uno degli argomenti caldi in casa Roma, soprattutto per le voci di mercato attorno al difensore. L’inglese ha il contratto in scadenza il prossimo giugno con un’opzione di rinnovo unilaterale fino al 2024. Al 50% delle presenze stagionali il calciatore – e solo lui – potrà esercitare la clausola rinnovando alle stesse cifre il contratto con la Roma. Una situazione che sta iniziando a ingolosire diversi club. Come in casa Inter, dove sta montando l’idra di ripetere un’operazione Mkhitaryan, trovando a parametro zero una soluzione pronto uso per rafforzare la rosa di Inzaghi.

A Trigoria però regna la calma, in attesa alla 29esima presenza del difensore, scatti automaticamente l’opzione di rinnovo. Una condizione contrattuale che diventerà, tra poche settimane, bivio strategico per capire cosa vorrà fare il difensore inglese. Attivare la clausola e rimanere a Roma o ascoltare le altre proposte? La Roma vuole rinnovare il contratto all’inglese ma alle giuste condizioni e soprattutto mantenendo il coltello dalla parte del manico. E allora perché non proporre il rinnovo anticipando le concorrenti? Perché all’interno di qualsiasi trattativa, la prima mossa sposta l’ago della bilancia dalla parte di chi attende. Il club, inoltre, vuole una dimostrazione concreta di voler restare nella Capitale. Basterà aspettare la metà di gennaio. Lo scrive Il Tempo.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa