Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Qatar 2022

Croazia-Brasile 1-1 (5-3 dcr), nella lotteria dei rigori è impresa balcanica

Livakovic è un muro dall’inizio alla fine, scardinato solo da un illusorio Neymar che però alla fine deve arrendersi

Brasile subito aggressivo ad inizio match, che registra dopo cinque minuti la conclusione a girio di Vinicius ben bloccato da Livakovic. Con il passare dei minuti però la Croazia prende campo e confidenza, provando a sfondare soprattutto sulla destra. Come al 14′, quando Pasalic mette in mezzo un gran pallone sfiorato da Juranovic e deviato poi al lato da Perisic. L’ex Inter ci riprova senza fortuna da fuori alla mezz’ora, subito dopo un destro dalla distanza di Neymar che trova ben piazzato il portiere avversario. Ancora O’ Ney al quarantaduesimo: stavolta il destro è su punizione, ma il risultato non cambia e Livakovic blocca.

Per attendere palle gol miglior bisogna arrivare alla ripresa, dove nei primi tre minuti la Seleçao va altrettante volte vicina al gol: su Richarlison salva tutto Livakovic, poi Vinicius Jr e Neymar vengono stoppati dalla difesa croata. Cinque minuti e ancora il 10 a provarci con un diagonale mancino respinto dal portiere. Che si supera quando, al 68′, chiude la saracinesca al cospetto di Paquetà, arrivato a tu per tu con lui. La sfida Neymar-Livakovic non si esaurisce ed al minuto 76 vede l’ennesima grande respinta dell’estremo su una chiarissima occasione. Il Brasile prova ad evitare i supplementari, ma la Croazia si difende bene e riesce a mantenere la porta inviolata fino al triplice fischio.

Ai supplementari il copione non cambia, i verdeoro continuano a cercare il gol del vantaggio ma è la Croazia a mangiarselo al 103′ con Brozovic, che spara alto l’assist di Perisic. Così, a pochi istanti dall’intervallo, arriva la magia sudamericana firmata Neymar, che semina avversari e supera anche Livakovic per il gol del vantaggio. Il Brasile sembra poter controllare e non soffre particolarmente il rientro croato del secondo supplementare fino al 119′, quando Modric imbastisce la ripartenza lanciando Orsic che offre a Petkovic il gol del clamoroso pari. Ai rigori sbagliano solo i brasiliani con Rodrygo e Marquinhos, ed è clamorosa sorpresa croata.

TABELLINO

CROAZIA-BRASILE 1-1

Marcatori: 106′ Neymar (B), 119′ Petkovic (C)

Sequenza rigori: Vlasic (C) gol, Rodrygo (B) parato, Majer (C) gol, Casemiro (B) gol, Modric (C) gol, Pedro (B) gol, Orsic (C) gol, Marquinhos (B) palo

CROAZIA (4-3-3): Livakovic; Juranovic, Lovren, Gvardiol, Sosa (110′ Budimir); Modric, Brozovic (114′ Orsic), Kovacic (106′ Majer); Pasalic (72′ Vlasic), Kramaric (72′ Petkovic), Perisic. A disp.: Grbic, Ivusic, Stanisic, Barisic, Erlic, Livaja, Vida, Sutalo, Sucic, Jakic. CT: Dalic

BRASILE (4-3-3): Alisson; Militao (106′ Alex Sandro), Marquinhos, Thiago Silva, Danilo; Casemiro, Paquetà (106′ Fred); Neymar, Raphinha (56′ Antony), Vinicius (65′ Rodrygo); Richarlison (84′ Pedro). A disp.: Ederson, Weverton, Bremer, Dani Alves, Bruno Guimaraes, Fabinho, Everton Ribeiro, Martinelli. CT: Tite

Ammoniti: Brozovic, Petkovic (C), Danilo, Casemiro, Marquinhos (B)

Arbitro: Michael Oliver (Eng)

Rimani sempre aggiornato sul sito Tifosi in Rete

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Qatar 2022