Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Gazzetta dello Sport, Di Francesco saluta: “Sono felice di avervi allenato”. Il terzo addio, tra lacrime, ricordi e rimpianti

L’ormai ex tecnico giallorosso si commuove nell’ultimo allenamento prima di salutare la squadra

La cerimonia degli addii si rinnova a Roma, intrisa com’è di ricordi e speranze disilluse. Di Francesco, di certo, a Roma prima ci ha messo e poi lasciato il cuore. Lo aveva collocato lì, a Trigoria, quando stava per compiere 28 anni, per cominciare un’avventura da calciatore che sarebbe durata dal 1997 fino al 2001; il tempo di vincere uno scudetto che sarà ricordato per sempre. Poi vi tornò nel 2005 per provare l’esperienza di team manager. Poco meno di un anno e via; quanto basta per capire che non era quella la sua strada.

La terza storia è quella di sui scriviamo i titoli di coda. La più dolorosa di tutte, anche perché l’allenatore ha sperato fino all’ultimo di salvare la panchina. Ma Pallotta ha deciso in altro modo, anche perché già durante la stagione solo i buoni uffici del d.s. Monchi  gli aveva fatto da scudo. Ieri, perciò, è stato il giorno della commozione, che ha sciolto la rabbia provata a Oporto. Quella che lo ha portato a salire sul pullman a fine partita senza affrontare la consueta conferenza (e arriverà una multa dell’Uefa) per via della rabbia per l’arbitraggio che gli bruciava nel petto. Come nelle migliori tradizioni, Di Francesco ha anche guidato l’allenamento del gruppo, prima di salutare la squadra. «Mi dispiace per quelli che ho utilizzato di meno, ma io ho fatto tutto per il bene della squadra. Sono felice di avervi allenato», ha detto tra l’altro.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa