Resta in contatto

Prima Squadra

Sampdoria-Roma, Ranieri: “Ottima prestazione. Schick e Dzeko insieme hanno fatto bene”

Le dichiarazioni del tecnico nel post partita

Claudio Ranieri, allenatore della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la vittoria dei suoi contro la Sampdoria:

RANIERI A DAZN

La Roma migliore da quando è tornato
Questa mentalità deve averla ogni squadra, aiutarsi l’un l’altro. La Sampdoria gioca a due tocchi, è difficilissimo pressarla. I ragazzi hanno fatto un’ottima prestazione.

La prestazione di Kluivert e Schick?
Pellegrini aveva fatto un’ottima partita aiutando il centrocampo. All’ultimo volevamo vincere, come la Sampdoria. Un punto non andava bene a nessuno. Vedendo Schick in quella posizione mi è sembrato normale lasciare lui. Con Dzeko hanno fatto una buona coppia. Kluivert è ancora un ragazzo ma fa sempre buone cose.

Era importante vincere o non perdere?
La determinazione era per venire a vincere. Ma conoscendo lo storico della Roma, che prende gol impossibili, stavamo prendendo gol al 95esimo, avevo chiesto di restare compatti e andare in verticale quando avevamo palla, perché salendo con gli esterni potevamo avere spazi che potevano essere sfruttati.

Con quali parole ci descrive Daniele De Rossi?
E’ l’anima di questa squadra, il capitano, l’uomo che si gasa e gasa i compagni. E’ un condottiero, io ho bisogno di leader, tutti lo seguono. E’ importante per Roma e per la squadra.

Ha sorpreso tutti stirngendo sia Kluivert sia Zaniolo
Mettendo Pellegrini a schermare il primo centrocampista basso eravamo con uno in meno, mi piacciono gli esterni che quando abbiamo palla si allargano e quando non ce l’abbiamo vengono a chiudere. La Samp era bravissima a mettere palla centrale tra le linee, un elogio a esterni e centrocampisti centrali, hanno corso a tamponare, ma anche ai quattro difensori.

Zaniolo continua a impressionare
E’ bravo e sono tranquillo quando ha palla. Deve migliorare ma a 19 anni ha ancora cammino da fare e imparare. Il ragazzo però è volenteroso e questo è importante.

RANIERI A SKY 

Si è rivista la Roma come squadra in senso collettivo
Il calcio è uno sport di squadra ed è importante che tutti si aiutino nei momenti di difficoltà. La Samp è una squadra tosta che è difficile da pressare, ho chiesto agli esterni di stare stretti e hanno lavorato bene, sono stati compatti e hanno giocato con grinta e determinazione. Al di la del risultato sono contento

De Rossi oggi è stato un totem
Daniele è un condottiero, si fa seguire e questo mi rende felice. Alla squadra chiedo spirito di sacrificio perché se non hai questo non arrivi da nessuna parte. Gli ho chiesto di aiutarsi l’uno con l’altro perché poi con la qualità arriva il resto

Gli uomini prima dei calciatori oggi
L’importante è continuare sotto questa falsariga. Da soli non vincono, con il Napoli avevano corso di più di loro ma non l’hanno mai presa perché non giocavamo da squadra. Contro la Fiorentina siamo ora meglio, oggi ancora meglio, Ora lavoriamo per capirci sempre di più, sperando che arrivino i risultati.

Anche Schick si è messo a disposizione oggi
Dopo Pellegrini , magari ho pensato di mettere Zaniolo in mezzo ma quando ho visto la prestazione di Schick così volitivo che aiutava e ripartiva, saltava di testa e allora mi sono detto ‘lo metto li’. Lui è una seconda punta, ha fatto bene sia da prima punta senza Dzeko che da seconda punta.

Non abbiamo nessun dubbio sulle qualità di Kluivert ma qui ancora non le abbiamo viste
È un ragazzo di 18 anni ed è normale che uscendo per la prima volta di casa e venire in una città come Roma non è facile. Ha bisogno di capire tatticamente come si gioca, io gli dico sempre fammi vedere come giocavi nell’Ajax…è un ragazzo molto disponibile e spero possa continuare con queste prestazioni

Obiettivo Champions alla portata ora
Non dobbiamo pensare alla Champions, anche se i ragazzi ci pensano. Facciamo un passo alla volta, ora arriva l’Udinese, che è un’altra squadra che lotta, poi tireremo le somme alla fine.

RANIERI A ROMA TV

Aveva chiesto una Roma compatta, testaccina.
Sono contento perché la prestazione è stata notevole contro una grande squadra come la Sampdoria. Avevo chiesto alle due ali di giocare stretti perché gli avversari giocando a rombo avverrebbero avuto una superiorità numerica devastante. Hanno giocato da squadra, sono stati bravi tatticamente, menomale che abbiamo fatto gol

Dobbiamo fare più punti possibili
La partita dura più di 90 minuti, se vogliamo giocarci tutte le cartucce. E abbiamo visto che gli avversari giocano verticali e ci trovano scoperti. Oggi abbiamo rischiato i primi minuti con quella palla filtrante a sinistra di Quagliarella e un cross di Gabbiadini che di testa l’ha manda fuori, però contro una squadra come la Samp che fa girare la palla velocemente abbiamo fatto una grande partita. Sono soddisfatto.

Sembra di vedere un’altra squadra da quando ha detto che stanno tutti bene
Quando le cose vanno male, sembra che si faccia più fatica. Con il Napoli abbiamo corso di più, male, malissimo ma abbiamo corso di più. Lo stesso con la Fiorentina, per poco ma di più, specie nella ripresa. ora sono curioso di vedere i dati di questa sera, ma importante è correre da squadra. Tatticamente hanno fatto una gara meravigliosa.

Partita maschia, spirito giusto, difesa attenta: ossigeno per la classifica, ma non si è fatto nulla.
Tutti guardano la classifica, io ancora non l’ho vista… Io sto vedendo solo la prestazione e come corrono i ragazzi, il resto viene di conseguenza. La classifica ora non conta

Ci è piaciuto tanto il recupero di El Shaarawy.
Non mi piacciono i giocatori che giocano su un campo in discesa, che quando c’è da rientrare è in salita: il campo è in orizzontale. Vai a 100 all’ora, devi rientrare a 200 all’ora, è sempre stata la prerogativa delle mie squadre chi ce la fa a farlo ha più possibilità di giocare. E poi, se devo rischiare il tutto per tutto con un giocatore che magari mi gioca solo negli ultimi 20 metri, lo farò. Ma intanto se seguono tutti questo discorso, anche chi non vuole rientrare, se vuole giocare, deve dimostrarmelo in allenamento

Conoscendola El Shaarawy avrà una maglia da titolare allora
Non l’ho sentito, ma mi hanno riferito che qualche compagno gli ha detto “ah, ma allora le fai queste cose…”. Sono cose che fanno bene alla squadra. Se tutti si aiutano c’è uno spirito di emulazione importante

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra