Resta in contatto

Rassegna Stampa

CorSport, “Il messaggio ai compagni: «Mi mandano via»”

L’epilogo di “Danielino” somiglia tragicamente a quello di altre due leggende romaniste: Totti e Giannini

Ha ringraziato tutti i suoi compagni uno per uno dopo la conferenza più brutta Daniele De Rossi. Alcuni di loro come Zaniolo e Perotti erano sinceramente commossi. All’uscita ha salutato e ringraziato uno sparuto gruppo di tifosi giunti lì per lui, per il loro idolo. Infine è tornato a casa, meditando sulla sua giornata più triste. L’epilogo di “Danielino” somiglia tragicamente a quello di altre due leggende romaniste: Totti, suo amico e compagno di squadra per quasi due decenni, e Giannini, che ieri ha fortemente criticato la società. Anche in altre squadre del mondo le bandiere vengono liquidate senza troppi ragionamenti con la sola differenza che mentre da altre parti si vince o si spera di vincere ogni anno, mentre a Roma senza vittorie e gioie tutta la tifoseria si compatta sulle proprie bandiere e sui propri simboli. De Rossi ha scoperto ieri di non essere più nei piani della società. Dopo aver accompagnato la fidanzata ad un colloquio di lavoro ai Parioli ha incontrato Fienga, che gli ha comunicato la dolorosa decisione. Ora si aprono diversi scenari per il prossimo ex capitano della Roma. La scelta è di continuare a giocare, la fedeltà impone di non farlo in Italia, o almeno in una rivale della Roma. Le squadre più in lizza sono PSG, che ha già fatto un colpo simile con Buffon, Manchester City, che fu già vicina a Daniele anni fa, Boca Juniors o altre in America e Asia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa