Resta in contatto

Rassegna Stampa

GaSport, “Mancini: «Zaniolo? Quello che gli è successo negli ultimi mesi è normale»”

“Sta conoscendo una pressione eccessiva”

Dopo la doppia vittoria contro Grecia e Bosnia che ha avvicinato la Nazionale azzurra ai prossimi Europei 2020, il commissario tecnico Roberto Mancini ha rilasciato una lunga intervista a “La Gazzetta dello Sport”. Tra i temi anche l’addio di Totti e il rendimento di Zaniolo.

Zaniolo, che gli è successo? Il talento è certo, ma da qualche mese…
È normale.

Non c’è stata una pressione eccessiva su di lui?
Lui sta conoscendo una pressione eccessiva, hanno persino iniziato a paragonarlo a Totti, che non c’entra proprio niente. Lui, anche per il ruolo, è totalmente diverso. Poi a lui è capitato tutto così all’improvviso… Non aveva mai giocato in serie B, tantomeno in Serie A. Il suo talento gli ha fatto fare il salto, all’improvviso. Perciò è stato normale che negli ultimi mesi avesse un calo, sia fisico che psicologico. Roma non è una città semplice dove giocare. Però lui ha qualità e in sei mesi è migliorato. Dalla prima volta che l’ho chiamato a Coverciano è un altro giocatore.

Se potesse prendere un giocatore dalla storia della Nazionale italiana e metterlo nella sua squadra, come si fa con la PlayStation, chi sceglierebbe?
Per quello che è la nostra squadra in questo momento? Totti.

Totti?
Sì prenderei Totti. Non sarebbe così semplice. C’è una lunga lista di giocatori incredibili.

Però come ruolo quello che le manca di più è Totti?
Sì, per come è la nostra squadra oggi, per la sua natura tattica e tecnica, prenderei Totti. La completerebbe.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa