Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

CorSera, “Fonseca si prende la Roma: «L’occasione che sognavo»”

Orgoglio e motivazione, Fonseca ruba subito la scena

Paulo Fonseca è orgoglioso e motivato. Il nuovo tecnico della Roma è sbarcato nella Capitale ieri mattina alle 7, proveniente da Kiev. Dopo una breve sosta in albergo, ha visitato la sede della società, all’Eur, dove ha firmato materialmente il contratto che lo legherà alla Roma per i prossimi due anni, con opzione per il terzo. Poi è andato a Trigoria: un giro per il centro sportivo, prima di prendere possesso del suo ufficio.

«Penso che potremo fare grandi cose – ha detto ai microfoni di Roma Tv -. Quando la Roma mi ha chiamato ero molto contento: allenarla è una cosa straordinaria, ho voglia di costruire qualcosa di speciale e di diverso, con le mie idee. L’obiettivo principale è costruire una squadra coraggiosa e con questi giocatori, che hanno molta qualità, sarà possibile farlo». La stagione romanista comincerà oggi, con le visite mediche a Villa Stuart.

Domani il primo allenamento, mentre sabato si dovrebbe partire per Pinzolo, sempre che nel frattempo non arrivi la sentenza della Uefa sulla partecipazione alle coppe del Milan. Sul fronte mercato, ieri è stata una giornata importante per Jordan Veretout, che ha accettato un quadriennale da 2,5 milioni netti a stagione. Ora bisogna convincere la Fiorentina. Capitolo De Rossi: tra le società italiane che lo hanno cercato quelle più convinte sembrano Samp e Fiorentina, ma DDR è tentato anche dall’offerta di Roberto Mancini in Nazionale: fargli da vice. Lo riporta il quotidiano Corriere della Sera.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa