Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’appello di Justin Kluivert: “In prigione chi fa questi cori”

L’esterno olandese non ci va leggero e attacca chi si macchia di razzismo allo stadio: “Chi fa questo tipo di cori o di post sui social dovrebbe andare in prigione”

Almeno allo stadio non è mai stato insultato o attaccato per il colore della pelle. Sui social, invece, Justin Kluivert ha dovuto a volte fare i conti con chi, criticandolo per una prestazione poco positiva, magari ha fatto riferimenti razzisti.

E quando non è capitato a lui direttamente ha visto compagni e avversari fare i conti con questa deriva. Ecco perché, nonostante abbia solo vent’anni, le parole del ragazzo di Amsterdam appaiono forti e dirette: “Chi fa questo tipo di cori o questi post forse dovrebbe andare in prigione”. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa