Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Boniek: “Roma, Fonseca mi piace molto”

L’ex giallorosso: “Ora bisogna eliminare l’andamento incostante”

Zibi Boniek tornare a parlare della Roma. L’ex giallorosso è intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport per commentare il momento della squadra di Fonseca. Ecco le sue parole:

La Roma è cambiata molto. Fonseca vorrebbe giocare sempre in avanti, è piacevole da vedere, è una squadra che crea occasioni, che rischia qualcosa, ma in Europa tutti giocano così. Il suo obiettivo è arrivare nei primi quattro, è fondamentale tornare in Champions per la Roma. Quello che non capisco è perché a Roma, nel momento che meno te lo aspetti arriva una sconfitta che ti ferma, come accaduto per l’Atalanta, ma accadeva anche ai miei tempi. Bisogna eliminare questi alti e bassi, anche se la squadra di Gasperini è un’ottima squadra. Fonseca è un grande professionista è una persona pulita, brava, onesta, parla molto con i calciatori, ho visto allenamenti vivi in tv, mi piace molto questo tecnico. Nelle giovanili della Roma c’è un ragazzo di origini polacca, Nicola Zalawski, che sta crescendo molto, ha buone prospettive, mi fa piacere che stia facendo dei progressi. Vedo Inter e Juve davanti a tutti, con i bianconeri favoriti per esperienza e qualità della rosa, poi secondo me al terzo posto il Napoli è favorito, per il quarto se la giocano Roma, Atalanta, Lazio e Fiorentina. Visto che la finale d’Europa League si giocherà a Danzica, mi auguro di vedere la Roma arrivare fino in fondo“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News