Resta in contatto

Prima Squadra

Petrachi: “Siamo molto amareggiati. Alla Roma manca più di qualche rigore” (VIDEO)

Le parole del ds giallorosso

Il ds della Roma, Gianluca Petrachi, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine di Roma-Cagliari. Queste le parole del direttore sportivo giallorosso riguardo all’occasione del gol annullato a Nikola Kalinic:

C’è una presa di posizione da parte della società. Entriamo subito nell’episodio che sta facendo discutere. Secondo Maran c’era la spinta di Kalinic su Pisacane. Il suo commento?
Siamo molto, molto amareggiati. Non è da questa settimana che riceviamo dei torti, è un dato di fatto. Alla Roma manca più di qualche rigore. Sembra che io o la Roma siamo diventati matti a pensare che qualcosa ci sia andato storto dal punto di vista arbitrale. L’atteggiamento dell’arbitro è stato indisponente oggi, ha creato nervosismo in una partita tranquilla. Diawara prende nettamente il pallone e l’arbitro dà punizione dal limite, guardate le immagini. L’episodio del gol finale, con tutto il rispetto di Maran che è normale che debba dire che una spinta c’è stata, ma tutti sappiamo che è il gioco del calcio, non è teatro. Kalinic ha rubato il tempo, tant’è che Pisacane rimane in piedi, è Olsen che gli va addosso. Sono cose normali che accadono in area, altrimenti non si gioca più a calcio. Il calcio è un gioco maschio. Non voglio parlare da un punto di vista personale. E’ oggettivo che ci sia stato un contatto, ma il giocatore è rimasto in piedi, non c’è stata una spinta evidente. Se lo vedono in Inghilterra si mettono a ridere, è assurdo. Poi non vai neanche a rivedere il VAR? Magari a dire “Ho fatto una cazzata”. Il nostro sistema arbitrale è uno dei migliori ma c’è qualcosa che mi sfugge, che penalizza la Roma. sono mortificato.

L’arbitro ha deciso sul campo di annullare il gol. Non è che sei così arrabbiato perché questa partita doveva finire 4 a 1?
Sono arrabbiato perché si è spiegato che quando ci sono delle situazioni particolari di aspettare che finisca l’azione. Non che si fischi prima che finisca l’azione. Se fischi prima non c’è bisogno di andare a rivedere il VAR. E’ un errore tecnico dell’arbitro: ha visto una spinta. E’ una cosa assurda, è un gol che ci doveva stare.

In area c’è sempre un altro metro di giudizio. Se in Inghilterra vedono queste immagini vengono sconvolti da quello che succede dopo…
Qua stiamo commentando una partita di calcio. E’ stata falsata da un errore tecnico dell’arbitro, e non ne ha fatto solo uno. La Roma ha tenuto il pallino del gioco, ma queste cose rimangono nei dati. La verità è che la Roma doveva vincere con un gol al 90′.

Queste, invece, le sue dichiarazioni a Roma Tv:

Forse ha poco senso commentare la prestazione della squadra oggi…
Infatti sono qui, parlo poco. Oggi la Roma è amareggiata e delusa. Siamo mortificati di un arbitraggio arrogante e supponente, ne è derivata una partita spigolosa. L’arbitraggio oggi ha tanto da rivedere. Il primo gol scaturisce da un fallo inesistente di Diawara. Il gol di Kalinic è regolare tutta la vita. Il calcio è un gioco maschio, Pisacane è rimasto in piedi. Olsen è andato a sbattere su di lui e lo ha frantumato. Altrimenti ci mettiamo il toppino e andiamo a fare danza classica. Parliamo di una vittoria sacrosanta che ci è stata scippata.

Che cosa sta succedendo riguardo alla Roma? Non parlo solo di questa partita…
Facevo riferimento al fatto che noi nelle settimane scorse abbiamo subito dei torti, anche a Bologna e Lecce. Poi abbiamo vinto e tutto passa in cavalleria, ma eravamo incazzati neri. La Roma deve essere più veloce nel sviluppare la manovra, ma oggi le decisioni non ci hanno permesso di vincere la gara.

Come te li spieghi tutti questi torti?
Pensavo fosse figlio della casualità. Siamo stati zitti perché a Bologna abbiamo vinto al 94, ma se mi fosse passsato davanti l’arbitro gliene avrei dette di tutti i colori. Forse diamo fastidio. Ho chiesto a De Sanctis se fosse successo qualcosa in passato con Massa all’inizio. Se Diawara prende il pallone e tu dai punizione sono cose che non esistono. Ho visto un aribtraggio assolutissimamente non al’altezza. Se Iin Inghilterra vedono un gol annullato così si mettono a ridere. Il calcio italiano è rallentato perché dalle altre parti fanno scorrere di più il gioco, gli arbitraggi vanno oltre e ci sono meno simulazioni. Vorrei che qualcuno pensasse a questo aspetto. La partita era spezzata e frammentata, anche quando c’era la possibilità di dare il vantaggio. Il calcio sta peggiorando da questo punto di vista.

Stiamo cercando di proporre un calcio interessante, ma qualcuno la vede in un’altra maniera…
Cerchiamo sempre di vincere la partita fino alla fine. Mancini e Smalling erano sempre nella metà campo avversaria, cerchiamo sempre di proporre gioco. Ma se l’arbitraggio ti spezza il gioco… Lo spettacolo è bello anche perché c’è un gioco maschio. Che la spintarella di Kalinic sia fallo lo trovo assolutamente ridicolo.

PETRACHI IN MIXED ZONE

Decisioni arbitrali non positive, che impressioni s’è fatto?
La Roma oggi è stata scippata da una vittoria. Dico anche che annullare il gol di Kalinic è una follia: è Olsen che va addosso a Pisacane, non il croato. Bisogna usare il buon senso: nelle settimane passate non abbiamo detto nulla nonostante i torti subiti, ma il comportamento di Massa è stato indisponente. Su 50 punizioni 47 sono state a favore del Cagliari. Massa ha sbagliato tutto oggi, può capitare ma contro di noi sta capitando troppe volte.

Massa vi ha detto qualcosa?
Ha avuto un’aria di supponenza per tutta la gara, per questo ci ha indisposti tutti.

Come società vi siete dati una spiegazione?
Avevo Morgan (De Sanctis) davanti, gli ho chiesto se era mai successo qualcosa tra lui e la Roma… Ero allibito, sembrava volesse fare un torto alla Roma.

E’ il peggior arbitraggio che lei abbia visto?
Ho visto cose che non vedevo da anni. Se vedessero il gol annullato a Kalinic in Inghilterra si metterebbero a ridere. Il calcio è un gioco maschio, se così non è così allora andiamo a fare tutti danza. Di questi contatti ce ne sono milioni, sanzionarlo così non è giusto.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra