Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Zaniolo: “L’Italia può vincere l’Europeo. Con la Roma voglio la Champions e un trofeo”

Le parole del classe ’99

Nicolò Zaniolo, centrocampista della Roma, ha parlato ai microfoni di Sky Sport a margine del’evento al Nike Store di via del Corso:

Questa Nazionale può vincere l’Europeo?
“Abbiamo tutto, qualità, giovani, esperti. Possiamo dire la nostra”.

Quanto devi a Mancini?
“Tanto, dovrò ripagare la sua fiducia in campo”.

La doppietta?
“Ho dato un contributo alla squadra. Ho realizzato un sogno ma è un punto di partenza, spero di farne tanti con l’Italia e con la Roma”.

Ci sono errori che non rifaresti?
“Mi giocherei meglio le mie carte all’Europeo Under 21. Voglio fare capire alle persone che sono un ragazzo migliore”.

Cos’ha di speciale Tonali?
“Ci passo tanto tempo in Nazionale e sono contento di quello che sta facendo”.

Dove devo migliorare?
“Sotto tutti i punti di vista, marcamento, piede debole, fase difensiva. Devo migliorare in allenamento per far bene la domenica”.

Il gol più bello?
“I due con la nazionale mi hanno fatto emozionare di più. Ma anche con Napoli e Milan”.

Obiettivo minimo stagionale?
“Migliorare giorno dopo giorno. Vogliamo vincere tutte le partite per arrivare al nostro obiettivo”.

Champions League?
“Certo e magari anche qualche trofeo, non si sa mai”.

Contratto?
“Sono felice di aver rinnovato, devo dimostrare alla società di meritare la fiducia”.

Fonseca?
“Le cose che deve dire le dice in faccia, sono molto felice del mister che abbiamo. Mi dice ogni giorno cosa devo migliorare”.

Europeo con l’Italia o Europa League con la Roma?
“Prima l’Europa League con la Roma e poi l’Europeo con l’Italia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra