Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Friedkin-Pallotta: ora manca solo l’ufficialità

Conto alla rovescia per la seconda Roma americana.

Ieri mattina sono stati ultimati i contratti preliminari e i legali di Pallotta hanno inviato la documentazione agli uomini di Friedkin, che si sono riuniti alle 8 di mattina (le 15 in Italia) a Houston per iniziare le procedure del signing. Per le firme vere e proprie servirà ancora qualche ora – le parti hanno stabilito per mercoledì il limite massimo – ma ha già preso il via la ricognizione congiunta di tutti i documenti (500 pagine più allegati per un totale di 650 pagine).

Si attende ormai soltanto il comunicato ufficiale, nel quale verranno specificate tutte le cifre e le condizioni economiche dell’affare, comprese le clausole legate ai risultati sportivi. Nel frattempo sempre ieri è andato in scena il cda della Roma, con Pallotta collegato in video-conferenza. Il board giallorosso ha approvato la relazione semestrale al 31 dicembre 2019, che si è chiusa con un rosso da record a causa della mancata partecipazione alla Champions League, della perdita dello sponsor Betway e per l’assenza di consistenti plusvalenze oltre a quelle effettuate con El Shaarawy, Gerson, Marcano e Verde.

Il risultato, negativo per 87 milioni di euro (lo scorso anno era positivo per 1,7mln€), è stato inoltre influenzato dalle difficoltà nel piazzare a titolo definitivo i vari giocatori in esubero e i relativi costosi ingaggi, anche se a giugno a Trigoria potranno molto probabilmente contare sulle cessioni di DefrelCoricGonalons e Schick.

Dal comunicato del club si evince che sono scattate le condizioni per i riscatti obbligatori di Veretout e Mancini e che il Partizan Belgrado esercitato il riscatto su Sadiq per 1,75mln€, con la Roma che mantiene un 10% della futura rivendita del nigeriano. Curiosità sul contratto di Kolarov: nel rinnovo fino al 2021 è stata anche definita l’opzione di un prolungamento automatico fino al 2022 al raggiungimento di determinati risultati. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa