Resta in contatto

News

Tempestilli: “La Roma? Ho dato tutto me stesso, ci sono rimasto male”

L’ex dirigente giallorosso è diventato responsabile del settore giovanile, femminile e del centro sportivo della Reggina

Antonio Tempestilli, ex dirigente della Roma, si è accasato alla Reggina. In Calabria sarà Responsabile del Settore Giovanile, della Femminile e del Centro Sportivo Sant’Agata. Presentato nella sala stampa del Granillo, ha parlato anche della Roma:

Come si è lasciato con la Roma?
“Posso dire che metà della mia vita l’ho trascorso lì dando tutto me stesso. Sono rimasto molto male ad andare via, ci sono modi e maniere per terminare un rapporto. Quando due persone non hanno la stessa visione, ci si saluta e ci si ringrazia e dopo 33 non ho ricevuto questo dal club e mi ha dato. La gente esterna può pensare di tutto. Non ho nessuno scheletro dentro l’armadio e posso guardare tutti senza abbassare lo sguardo. Al presidente Gallo ho detto che vengo e se mi dice qualcosa che non va bene me ne vado. Non devo fare carriera né arricchirmi, voglio dare il mio contributo, sperando ci siano le condizioni per farlo”.

Cosa trova alla Reggina?
“Il centro sportivo è invidiabile. C’è rammarico: questa società ha tirato fuori Perrotta, Cozza, Missiroli. Qui bisogna ricominciare a riseminare e riallacciare i rapporti con le società dilettantistiche. Qui ce n’è una che è stata brava in questi anni, ma noi ci chiamiamo Reggina e dobbiamo attirare i calciatori giovani più forti che possono essere utili a questo club. Sarebbe bellissimo vedere un reggino portare la fascia. La storia di Totti sarebbe un sogno qui”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News