Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Friedkin disegna la sua Roma. Il primo sogno è Paratici

La firma è arrivata nella notte tra mercoledì e giovedì quando in Italia erano quasi le 4, anche se l’accelerata c’era stata già nelle ore precedenti

Ora Dan Friedkin è il nuovo proprietario della Roma, con un accordo che prevede l’acquisizione dell’86,6% delle quote societarie. “Noi tutti al Friedkin Group siamo felici di aver fatto i passi necessari a diventare parte di questa città e club iconici. Non vediamo l’ora di chiudere l’acquisto il prima possibile e di immergerci nella famiglia dell’AS Roma”, ha dichiarato.

Il costo totale sarà di 591 milioni di cui 500 per il valore del club (compresi i 300 di debiti) e il resto da immettere nella Roma per la gestione corrente. Alla fine Pallotta se ne va con una minusvalenza di un centinaio di milioni. Il closing è previsto per il 17 agosto mentre da oggi Friedkin si siederà al tavolo per decidere i ruoli. Uscirà dai quadri dirigenziali Baldissoni, che diventerà un consulente esterno sulla questione stadio.

Addio anche per Baldini e De Sanctis. Resta con un ruolo apicale Fienga, smentito il ritorno di Petrachi. Il sogno è ParaticiA guidare il club sarà Ryan Friedkin, figlio di Dan, probabilmente come presidente. Esclusi per il momento i ritorni di Totti e De Rossi. La Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa