Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

“I Friedkins”, la sit com americana che rischia i non piacere ai tifosi della Roma

Eccessiva la prudenza del nuovo proprietario alla prima intervista ufficiale, secondo Fabrizio Bocca de “La Repubblica”

I Friedkins” è un titolo perfetto per una comedy tv. Alla prima manifestazione pubblica di Dan e Ryan, la Roma è sommersa da concetti indistinti, dove “vincere“, “lavoro“, tempo“, stadio“, “futuro” e “campioni” dicono tutto e niente e sono stati tirati in ballo già troppe volte.

Una decina di anni di Pallotta hanno reso diffidenti i tifosi della Roma. Friedkin arriva sull’onda del pregiudizio del precedente proprietario, business man arido di passione di calcio, presuntuoso, cantore di favole e zero fascino. La prudenza di Friedkin risulta estrema, forse eccessiva per chi non vince e vede campioni passare e andare via.

Dzeko costa troppo, si punta sulla conferma di Zaniolo (per farne un business ancora più grande tra un anno o due?), si prende Pedro a zero, ma non certo un giocatore di particolare fascino. Resta lì Fonseca, uno troppo buono e mite per dare la svolta. L’idea di un guru come Rangnick era affascinante, ma di non facile realizzazione. La prudenza eccessiva spaventa, perché non è una garanzia, perché i 10 anni precedenti sono stati una continua promessa.

Per ora nessun cenno di cambiamento, Inter e Juve stanno facendo rivoluzioni nonostante siano più in alto. Friedkin, se ti sei buttato nel calcio inventati qualcosa per rompere il tran tran di questo monotono ménage. Lo scrive La Repubblica.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa