Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

L’annuncio della Lazio: “Gemellaggio con la Nazionale dei sacerdoti”

Venerdì, prima del derby, avverrà lo scambio di maglie tra le due “società”

Nuovo gemellaggio per la Lazio. Il club di Lotito ha stretto un accordo con la Nazionale dei sacerdoti. Lo comunica attraverso una nota sul proprio sito.

La nota della Lazio

“Il calcio è fratellanza, aiuto per chi è in difficoltà, occasione di incontro e di divertimento”. Con questo spirito il Presidente della S.S. Lazio Claudio Lotito ha annunciato il gemellaggio della sua squadra con la Nazionale di calcio dei sacerdoti. A sancire la partnership sarà uno scambio di maglie tra il Presidente Lotito, accompagnato da Marco Parolo, e il CT e il capitano della Nazionale dei sacerdoti, Moreno Buccianti e don Walter Onano, a bordo campo, subito prima del derby.

“La Società Sportiva Lazio – ricorda Lotito – divenne ente morale con regio decreto nel 1921 come riconoscimento dell’attività dei suoi dirigenti. Tale riconoscimento da allora ci vede impegnati in prima linea nella diffusione dei valori dell’inclusione, del rispetto e della fratellanza”.

La squadra dei sacerdoti, fondata 15 anni fa, quest’anno ha ricevuto la Ghirlande D’Honneur e ha portato Papa Francesco a scrivere loro una lettera di benedizione e di incoraggiamento per la loro attività.

Questa unione vedrà la S.S. Lazio portare messaggi di speranza e di aiuti in tutto il mondo attraverso le competizioni disputate dalla Selecao, che indosserà i colori della S.S. Lazio quale simbolo di unione tra i comuni valori sportivi e sociali di cui entrambe le realtà si fanno portatrici.

“È partendo da  questi principi – conclude il presidente della S.S. Lazio – che apriamo il nostro 121° anno di storia biancoceleste, che ci vedrà impegnati nella missione di rendere sempre di più il calcio strumento di concordia e di diffusione di valori condivisi”.

18 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario