Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Spezia, Italiano: “Quando si vuole si può ottenere qualsiasi cosa”

Vincenzo Italiano

“Abbiamo vissuto un periodo non bello ma non abbiamo mai mollato”

Le dichiarazioni dell’allenatore bianconero Italiano in occasione di Roma-Spezia, match valido per gli ottavi di Coppa Italia. Le sue parole su Rai2:

Grande impresa nonostante il turnover..
Queste penso siano partite dove bisogna dare spazio a ragazzi che giocano meno, farli mettere in mostra. Oggi tutti hanno dimostrato che quando si vuole si può ottenere qualsiasi cosa, soffrendo, nei supplementari abbiamo avuto un po’ di fortuna ma l’abbiamo sfruttata bene.

Un ottimo momento per voi quale è il vostro segreto
Abbiamo vissuto un periodo non bello per i risultati, ma le prestazioni ci confortavano, non abbiamo mai mollato. La nostra mentalità è questa, quando si può si cerca di creare palle gol anche contro le grandi squadre. nelle ultime due partite è uscita fuori la personalità della squadra, e oggi abbiamo sofferto e siamo riusciti a vincere. Ci godiamo il momento. Ora aspettiamo la gara di sabato. I ragazzi ora hanno una giusta testa e riescono a creare e realizzare.

Si era accorto che c’era un cambio in più per la Roma?
Sentivo parlare in panchina di questo, io non me ne ero accorto. Alla fine c’è stato questo errore quindi avremmo vinto lo stesso.

La posizione di Saponara, un commento?
Questa è una posizione che nel momento in cui l’abbiamo contattato ci ha chiesto di poter giostrare, per poter venire col destro in mezzo al campo. Davanti avevamo bisogno di quelle qualità allora cercheremo di sfruttarlo così. Oggi la sua prima partita dopo tanto, pensavo non riuscisse a mantenere il minutaggio e ha fatto due gol. Speriamo di poterlo recuperare e che ci dia tanto.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario